Il Forum a cura di NonSoloBoxe

Per discutere di Boxe e non solo...
Oggi è mercoledì 21 agosto 2019, 4:56

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 27 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 2 febbraio 2007, 18:38 
Non connesso
Peso Mediomassimo
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 13 febbraio 2006, 15:34
Messaggi: 3300
Località: Firenze
molto interessante e molto strano.

Ci sono stati in passato scienziati pagati da politici per dire il contrario di quel che si dice adesso, ma qui era meno strano. E' molto strano perché qual è l'interesso dei governi a dire che sono loro i responsabili? E' abbastanza incomprensibile, ma una ragione ci sarà.
La maggioranza dei governi mondiali, finora (si stava parlando del 2005) o non ha preso provvedimenti contro l'effetto serra o non li ha applicati. In piu', tranne eccezioni, non se ne è mai fatto pubblcità. E' del tutto inspiegabile come piu' o meno nessun governo si sia servito di questi discorsi e problemi né in fase di campagna elettorale, né per trarne alcun vantaggio e anzi abbia sempre ignorato il problema, e contemporaneamente abbia manipolato gli scenziati a dire proprio quello. Ripeto, una spiegazione ci sarà, oppure è solo la comunità degli scienziati, e non i governi, ad aver operato selte ingiuste. Oppure l'ha fatto qualche lobby che ha interesse nello sviluppare energie alternative.

Altra cosa: è così interessante sapere se i rischi climatici sono 'colpa nostra' oppure no? No, è del tutto non interessante. La cosa importante è sapere cosa possiamo fare. I provvedimenti servono a risolvere o mitigare il problema oppure no? Se sì, adottiamoli, se no, no.

Poi: gran parte del problema deriva dall'utilizzo di combustibili fossili. Questi, che inquinino o meno, dovrebbero cominciare a ridursi tra pochi anni, e tra 100 anni (non parliamo di mille) la riduzione dovrebbe essere molto drastica, e la popolazione mondiale dovrebbe aumentare. Insomma, le energie alternative servono lo stesso.

Per finire: se qualcuno diagnostica una malattia grave, che sia a noi stessi , a nostro figlio, o al nostro pianeta, che intendiamo fare? Se uno ci dicesse che i governi spingono affinché tutti i medici dicano che nostro figlio ha un tumore, e fa licenziare chi sostiene il contrario, la cosa ci tranquillizzerebbe? O non vorremmo invece anche perdere a vuoto un sacco di soldi pur di scongiurare la malattia o curarla?

Insomma, è un bel casino: i problemi ci sono, ma non sappiamo bene quali sono, e di chi dobbiamo fidarci. Non sappiamo bene né i rischi né i modi di risolverli, e non sappiamo chi delle due parti ci sta prendendo in giro: probabilmente entrambi, per interessi di cui sappiamo poco.
D'altra parte, il mondo dipende sempre piu' dalla scienza: e, a parte i giornalisti, non mi vengono in mente tante categorie di persone di cui mi fido di meno degli scienziati, mi fido di piu' perfino dei politici, che almeno sono piu' facilmente smascherabili.

Cosa fare? boh, provare a informarsi, parlare e ragionarci su. Dite la vostra :)

c.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: domenica 4 febbraio 2007, 12:53 
Non connesso
Peso Minimosca

Iscritto il: giovedì 2 marzo 2006, 10:16
Messaggi: 139
(ANSA)ITALIA A SECCO
ROMA - La grande sete mette sotto assedio l' Italia. La siccita' si conferma infatti il problema ''caldo'' per i prossimi mesi. Una bomba a orologeria che colpira' soprattutto il nord. Nessun sollievo arrivera' dalle precipitazioni attese. Intanto da ottobre fino a oggi il deficit di acqua e' stato del 60%. A meta' febbraio prevista una forte ondata di freddo con replica tra fine febbraio e primi di marzo mentre l'estate sara' molto calda con picchi roventi a partire da fine luglio. La primavera anticipa di 20 giorni.
Queste le conclusioni cui sono giunti gli esperti dell' Istituto Ibimet del Cnr di Firenze e che presenteranno lunedi' prossimo, 5 febbraio, alla riunione con la Protezione Civile a Roma.
''Per ora si conferma il rischio siccita' attraverso le previsioni stagionali, specialmente nel Nord Italia'', ha detto all'Ansa il direttore dell'Ibimet, Giampiero Maracchi. In particolare in base alle rilevazioni e alle proiezioni per febbraio e marzo ''possiamo ritenere che la siccita' - dicono gli esperti Ibimet - sara' il problema 'caldo' per i prossimi mesi''.
'


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: domenica 4 febbraio 2007, 22:06 
Non connesso
Peso Paglia
Avatar utente

Iscritto il: sabato 11 febbraio 2006, 9:55
Messaggi: 54
Località: Milano
Su Newton una ricerca sui cambiamenti degli altri pianti

L'effetto serra? C'è anche su Marte Temperature in crescita anche su Giove e Saturno, uragani e sconvolgimenti climatici: tutta colpa del Sole
Su Marte non si trovano certo grandi metropoli asfissiate dallo smog e brulicanti di gente. E difficilmente individueremo raffinerie di petrolio quando ci spingeremo a esplorare i gelidi Plutone e Tritone, luna ghiacciata di Nettuno. Neanche è immaginabile aspettarsi su Giove autostrade affollate di vetture avvolte nei fumi dei tubi di scappamento. Eppure questi pianeti, come la Terra, si stanno surriscaldando! Le ultime immagini di Giove scattate dal telescopio Hubble nel maggio 2006 hanno difatti testimoniato la crescita sulla superficie del gigante gassoso di una nuova macchia rossa, simile alla tanto celebre Grande Macchia Rossa, e ribattezzata perciò Giovane Macchia Rossa (Red Spot Jr.). Fu osservata per
la prima volta nel 2000, ma negli ultimi 6 anni le sue dimensioni sono notevolmente aumentate.

........
........
........
........

Questo l'articolo per esteso e completo...

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Scie ... wton.shtml

Non so se centra qualcosa con la discussione...però... :roll:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: domenica 4 febbraio 2007, 22:39 
Non connesso
Peso Mediomassimo
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 13 febbraio 2006, 15:34
Messaggi: 3300
Località: Firenze
c'entra, e grazie di averlo postato...

però, mi vien da dire: chi se ne frega di chi è la colpa? l'importante è quel che possiamo fare, e mi vien da dire che, a quanto ne so, è piu' semplice diminuire i consumi mondiali e intevenire sulle loro modalità di produzione che non interevenire sulla struttura del sole..

c.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lunedì 5 febbraio 2007, 9:32 
Non connesso
Peso Minimosca

Iscritto il: giovedì 2 marzo 2006, 10:16
Messaggi: 139
Da un punto di vista pragmatico il tuo discorso può avere una logica.

Va da se che sarebbe abbastanza inquietante scoprire che una enorme fetta della comunità scientifica ha piegato la ricerca a finalità ideologiche, truccandola o interpretandola ad arte.

Il rischio oltretutto sarebbe di spostare il focus dalla molteplicità dei problemi, magari concentrandosi solo sulle emissioni (che se anche non fossero causa del surriscaldamento sicuramente sono causa dell'inquinamento) e dimenticando il boom demografico, lo sviluppo sostenibile e quanto altro.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 9 febbraio 2007, 17:20 
Non connesso
Peso Minimosca

Iscritto il: giovedì 2 marzo 2006, 10:16
Messaggi: 139
[b]Scoperto un antico ma repentino CAMBIAMENTO CLIMATICO![/b]
Gli isotopi dell'ossigeno e del carbonio funzionano come termometri del periodo in cui si sono formati i materiali. Tramite l'analisi della composizione isotopica si è giunti alla sorprendente scoperta di un cambiamento climatico; il più drastico degli ultimi 60 milioni di anni!
Clicca l'immagine per ingrandirla

Nella foto il fronte del pack delle Barriera di Ross cioè la porzione ghiacciata del Mare di Ross, in Antartide, che si estende in mare aperto per circa 600 chilometri. Si tratta del più grande cambiamento climatico da 60 milioni di anni a questa parte, da quando cioè si sono estinti i dinosauri sulla Terra e si trova puntualmente registrato nei denti fossilizzati di equidi e altri mammiferi erbivori. Secondo le analisi condotte dai ricercatori dell'Università della Florida si trattò di un brusco calo della temperatura media di ben 8 gradi centigradi in poche decine di anni, preceduto da un lungo periodo caratterizzato da temperature in costante aumento e da un'elevatissima concentrazione di CO2 in atmosfera.

La maggior parte dei precedenti studi di questo tipo riguardano la massiccia estinzione che ha accompagnato la transizione tra l'Eocene e l'Oligocene, avvenuta circa 33,5 milioni di anni fa e durata 400.000 mila anni, e si basano sull'ambiente marino. Bruce MacFadden e colleghi si sono dedicati invece agli ambienti delle grandi pianure americane e riferiscono i loro risultati sulla rivista "Nature".

Nel corso della ricerca l'attenzione è stata focalizzata sugli isotopi di alcuni elementi: quelli dell'ossigeno, che funzionano come veri e propri termometri, e quelli del carbonio che invece forniscono indicazioni circa l'umidità relativa del periodo in cui si sono formati i materiali, in questi casi di 49 dei 68 denti e ossi di cavalli primitivi e oreodonti provenienti dalla collezione di vertebrati del Museo di scienze naturali della Florida.

"Un'analisi combinata della composizione isotopica di ossi e denti è un nuovo approccio per studiare questa transizione importantissima
per la storia naturale", ha commentato Alessandro Zanazzi, primo autore dello studio. "Lo smalto dentale ha una porosità molto bassa e poca materia organica: per questo mantiene la composizione isotopica del momento in cui si è formata."


non che ci creda del tutto....ma tant'è 8)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lunedì 12 febbraio 2007, 21:17 
Non connesso
Peso Mediomassimo
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 13 febbraio 2006, 15:34
Messaggi: 3300
Località: Firenze
bello o brutto che sia, in queste ultime settimane l'ecologia è tornata di moda.: trasmissioni tv, film, dibattiti, e soprattutto sempre piu' vantaggi economici per chi investe nel settore. Situazione interessante, anche se sarà difficile distinguere la demagogia approfittatrice dalla verità. Gli scienziati non possono esser d'accordo su tutto, ma basterebbe dicessero la verità per chiarire le cose alla gente. Ma chiedere onestà a uno scienziato è come chiedere a Mastella di non essere eletto. Ieri su rai uno un importante professore del M.I.T. di Boston, responsabile della fusione nucleare (mica pizza e fichi) si è messo a inventare una serie di cavolate, prontamente smentito da Rubbia.
Il rapporto scienziati-pubblico è davvero poco efficace, e anche gli scienziati fra di loro, tra interessi di aziende e dispute interne, hanno dei problemi, e spesso , giustamente anche, non si pongono problemi di sostenibilità e efficacia politica economica di un loro ritrovato.

Penso che molte 'verità' le potremmo trovare in qualche convegno di macroeconomia, ma anche lì c'è chi fa statistiche un po' a caso.

Ci vorrebbero giornalisti seri che fanno informazione seria, su queste cose, ma non c'è verso. O basterebbe che i politici fossero seriamente informati e disinteressati, ma non c'è verso.

Insomma, anche per questi temi ci sarà la solita carenza di informazione, i soliti approfittatori, e sarà difficile per un cittadino medio informarsi.

c.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 13 febbraio 2007, 14:43 
Non connesso
Peso Minimosca

Iscritto il: giovedì 2 marzo 2006, 10:16
Messaggi: 139
Il Sistema Solare si sta SCALDANDO!
Recenti studi dimostrano che il riscaldamento globale in atto è frutto di un aumento dell'energia prodotta dal Sole e che sta interessando gran parte del Sistema Solare.

Secondo ricercatori dell'Università della California è in atto da diversi anni un riscaldamento che interessa tutto il Sistema Solare
dovuto ad un aumento dell'attività solare. L'attività della nostra Stella infatti non è costante nel tempo, ma subisce variazioni
periodiche percentualmente assai piccole nell'arco di anni e decenni ma comunque in grado di influenzare il clima della Terra. Nel corso dell'ultimo secolo invece l'attività del Sole è andata progressivamente crescendo e ha così contribuito all'aumento delle temperature sulla Terra. E mai negli ultimi 1150 anni il Sole ha emesso tanta energia come ai giorni nostri.
In particolare ricercatori dell'Earth Institute della Columbia University americana, analizzando i dati raccolti da 6 diversi esperimenti con satelliti di NASA, NOAA ed ESA, hanno recentemente
evidenziato un aumento dell'ordine di circa 0,05 per cento per decennio, a partire dal 1978, della TSI, sigla che corrisponde alla Total Solar Irradiance, ovvero l'energia elettromagnetica che la Terra riceve dal Sole su tutte le lunghezze d'onda. Ma partiamo da Marte, il Pianeta Rosso, relativamente vicino alla nostra Terra.
Uno studio condotto sulle calotte di ghiaccio di Marte pare indicare che il pianeta rosso è attualmente coinvolto in un fenomeno di
riscaldamento su vasta scala. Se il riscaldamento sta verificandosi sia su Marte che sulla Terra, allora forse esiste un fenomeno di più ampia portata che sta avendo luogo nel Sistema Solare e che sta causando il cambiamento climatico a livello globale dei due pianeti.
Ma il riscaldamento interplanetario non si ferma ai pianeti interni del Sistema Solare ma si spingono ben oltre sino a raggiungere i
Pianeti Giganti e i loro satelliti naturali!
Su Giove, il pianeta gigante gassoso per eccellenza, in seguito ad un rapido e intenso riscaldamento di alcune regioni del pianeta, si sta osservando un abnorme sviluppo della Giovane Macchia Rossa e alla genesi di un altro spettacolare vortice che di recente ha attirato l'attenzione degli astronomi. Su Saturno, il Pianeta degli anelli, la sonda Cassini ha fotografato in prossimità del Polo Sud un enorme e insolito uragano, con venti a oltre 550 chilometri orari e un diametro di circa 8000 chilometri, cioè più della distanza che separa Roma e Pechino, mentre il muro di nubi che ruota attorno all'occhio del ciclone si innalza all'interno dell'atmosfera fino a oltre 70 chilometri di quota.
Un processo di riscaldamento globale su Tritone, il satellite naturale maggiore di Nettuno, ma nonostante ciò su quel pianeta.
"Dal 1989 che Tritone sta attraversando un periodo di riscaldamento globale", conferma l'astronomo James Elliot, professore di Terra,
Fenomeni Atmosferici e Scienze Planetarie al Massachusetts Institute of Technology. "In termini di percentuale, l'aumento di temperatura
è molto elevato".
Ma il surriscaldamento interessa anche la periferia del Sistema Solare, infatti recenti studi condotti dalla NASA confermano che la sottile atmosfera di Plutone si sta riscaldando a livello globale anche se il pianeta si trova nella zona più distante dal Sole sulla sua lunga orbita dalla forma eccentrica.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lunedì 4 giugno 2007, 14:46 
Non connesso
Peso Minimosca

Iscritto il: giovedì 2 marzo 2006, 10:16
Messaggi: 139
lukas ha scritto:
(ANSA)ITALIA A SECCO
ROMA - La grande sete mette sotto assedio l' Italia. La siccita' si conferma infatti il problema ''caldo'' per i prossimi mesi. Una bomba a orologeria che colpira' soprattutto il nord. Nessun sollievo arrivera' dalle precipitazioni attese. .....Queste le conclusioni cui sono giunti gli esperti dell' Istituto Ibimet del Cnr di Firenze e che presenteranno lunedi' prossimo, 5 febbraio, alla riunione con la Protezione Civile a Roma.
''Per ora si conferma il rischio siccita' attraverso le previsioni stagionali, specialmente nel Nord Italia'', ha detto all'Ansa il direttore dell'Ibimet, Giampiero Maracchi....
'


Ma è ancora attuale?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 28 agosto 2007, 8:45 
Non connesso
Peso Minimosca

Iscritto il: giovedì 2 marzo 2006, 10:16
Messaggi: 139
lukas ha scritto:
lukas ha scritto:
(ANSA)ITALIA A SECCO
ROMA - La grande sete mette sotto assedio l' Italia. La siccita' si conferma infatti il problema ''caldo'' per i prossimi mesi. Una bomba a orologeria che colpira' soprattutto il nord. Nessun sollievo arrivera' dalle precipitazioni attese. .....Queste le conclusioni cui sono giunti gli esperti dell' Istituto Ibimet del Cnr di Firenze e che presenteranno lunedi' prossimo, 5 febbraio, alla riunione con la Protezione Civile a Roma.
''Per ora si conferma il rischio siccita' attraverso le previsioni stagionali, specialmente nel Nord Italia'', ha detto all'Ansa il direttore dell'Ibimet, Giampiero Maracchi....
'


Ma è ancora attuale?

:roll:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 12 settembre 2007, 12:46 
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cron ... roma.shtml

per me, è possibile che si stia Gridando al Lupo


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 12 settembre 2007, 14:34 
Non connesso
Peso Superwelter
Avatar utente

Iscritto il: sabato 7 aprile 2007, 18:49
Messaggi: 1372
probabile, sì:
Cita:
L'allarme del ministro Pecoraro Scanio

_________________
la ragione cerca quello che non trova, l'istinto coglie quello che non cerca


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 27 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 6 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010