Il Forum a cura di NonSoloBoxe

Per discutere di Boxe e non solo...
Oggi è martedì 23 luglio 2019, 11:17

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 11 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Mastrogiacomo, l'Italia e gli altri
MessaggioInviato: giovedì 12 aprile 2007, 2:09 
Non connesso
Peso Mediomassimo
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 13 febbraio 2006, 15:34
Messaggi: 3300
Località: Firenze
E' stato liberato un giornalista italiano, mettendo a rischio (di certo non volontariamente, e per questo topic non è così importante di chi sia la colpa) altre persone non italiane, che sono morte.

Si parla da più parti della, diciamo, grave ingiustizia commessa, nel far di tutto per un italiano lasciando morire degli afghani.

Francamente non capisco: ogni anno paghiamo tasse per la nostra salute, istruzione, cultura, sport, autostrade, treni, aiuti al Mezzogiorno, pensioni minime, etc... e non paghiamo nulla per chi non è italiano e muore di fame. Se è italiano o in Italia lo aiutiamo , e se no no. E se invece di bambini che muoiono di fame sono ostaggi che muoiono per omicidio c'è tutta questa differenza?

Siamo ciechi di solito, o siamo scemi e moralisti adesso?

c.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 12 aprile 2007, 7:53 
E' folle che lo stato italiano come istituzione debba intervenire SEMPRE per ogni questione che riguardi i propri cittadini.

Lo stato deve intervenire nelle trattative quando ad essere sequestrati et similia si trovano ad essere suoi rappresentanti civili e militari fuori d' Italia per conto dello stato o nell' esercizio di funzioni che si ricollegando principalmente ad un rapporto con lo stato italiano.

Nel caso di mastrogiacomo, ed egli altri giornalisti etc,la mia linea di condotta sarebbe questa:

1) Se sono stati inviati al fronte dal loro direttore, o caporedattore di giornale, sia questi a condurre le trattative per eventuali rilasci, a pagare riscatti o a prendersi le responsabilità di un suo decesso
2) Se sono andati di loro volontà, Amen. Esiste, stilato e redatto dalla Farnesina, un nutrito elenco dei paesi dove è pericoloso andare e se si va si sa di farlo a proprio rischio e pericolo.
Vai in Sierra leone per il brivido del rischio? vacci pure, ma sappi che se vieni rapito sono c. tuoi, e che non è giusto che per il tuo spirito di avventura lo stato sborsi milioni di euro o finanzi assassini o terroristi.

Non capisco poi perchè tutte queste mobilitazioni per i giornalisti, laddove, specie nei paesi arabi, vi sono spesso e volentieri persecuzioni alle chiese cristiane passate totalmente,ipocritamente sotto silenzio.

temo che anche quello dei sequestri in alcuni casi sia un business . Ho dubbi, in specie, molti dubbi, sul sequestro delle due Simone di tre anni fa. raro caso di sequestro in cui le rapite Ingrassarono durante la prigionia. Molto strano.

Quanto poi all' ipocrisia delle reazioni attuali, è manifesta. Io la dico tutta: nulla contro le missioni umanitarie, etc, ma penso vi sia tanto, molto da fare anche qui vicino alla propria casa senza per forza che ci sia il bisogno di andare in Africa o asia per sentirsi liberi o realizzati aiutando il prossimo. Ma l'uomo è strano, e spesso conosce meglio ciò che ha di lontano di ciò che è a due metri da casa sua.


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 12 aprile 2007, 9:09 
Non connesso
Peso Minimosca

Iscritto il: giovedì 2 marzo 2006, 10:16
Messaggi: 139
cristiano ha scritto:
Si parla da più parti della, diciamo, grave ingiustizia commessa, nel far di tutto per un italiano lasciando morire degli afghani..


Se non è stato fatto l'impossibile (come purtroppo appare) per includere nel "prezzo" del rilascio anche l'interprete, è stata fatta una cosa molto grave.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 12 aprile 2007, 11:12 
Non connesso
Blessed Soul
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:45
Messaggi: 1467
Località: romagna. un altro mondo possibile
Si discute di questo in molti posti, Parlamento compreso. quindi l'argomento semplice non è.
Sull'argomento e sui quesiti posti da Cristiano, la penso così...
1- Se un italiano è rapito, credo che qualunque governo debba attivarsi per salvare le vite dei propri cittadini. E per salvare ANCHE le vite di altre persone eventualmente coinvolte. Se così non fosse, mi chiederei per quale ragione dovremmo andare a salvare un alpinista che va a fare una scalata sul Kanchenjunga. E' luogo pericoloso, si arrangi.
2- i giornalisti poi hanno una funzione enorme in un paese democratico. Danno l'informazione. Noi stiamo mandando soldi e soldati in Afganistan. Credete sia in qualche modo democratico non avereinformazioni su cosa succeda sul campo?
3- Ovvio che chiunque spari sciocchezze su come sia stata condotta la trattativa, dimentica un particolare. Non sa di cosa parla. Visto che tante cose non sono note, come non lo sono state con altre trattative od altri governi. Non sappiamo quindi che sforzi si siano fatti per salvare Mastrogiacomo, autista e interprete. Chi fa congetture, sappia che sono congetture. Spesso propagandistiche. Non verità.
4- Ciò non contiene nessun giudizio nel merito. Voglio ascoltare prima la versione ufficiale del governo.
Bye bye

_________________
mi sono rimasti solo tre neuroni. E non sono neanche d'accordo fra di loro....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 12 aprile 2007, 11:46 
Mante, i punti sono due.

1) come sottolinei tu, Non si capisce mai nulla di cosa realmente avvenga. tutto è misterioso,impenetrabile, incomprensibile.
2) la questione Everest 8) . esistono organismi di soccorso in loco, trovo giusto siano loro i primi ad attivarsi, e,in secondo luogo, i governi di chi sia a rischio.

Ma se viene detto, e rieptuto anche in cirillico, che certi luoghi sono estremamente pericolosi ed unod ecide volontariamente di andarci, o per ilb rivido dell' imprevisto o per chissà altro, non venga a dire di non essere stato avvertito a cosa andava incontro. Certo, la libertà di stampa è fondamentale.

Ma è quantomeno curioso che con tutti questi giornalisti sul campo, una notizia davvero seria come il bombardamente di fallujah con Bombe al fosforo da parte dgeli americani,per dire, passi sollo alle tre di Notte su rai news e si faccia di tutto per farla passare in terzo ordine...


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 12 aprile 2007, 13:21 
Non connesso
Blessed Soul
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:45
Messaggi: 1467
Località: romagna. un altro mondo possibile
Cita:
Ma è quantomeno curioso che con tutti questi giornalisti sul campo, una notizia davvero seria come il bombardamente di fallujah con Bombe al fosforo da parte dgeli americani,per dire, passi sollo alle tre di Notte su rai news e si faccia di tutto per farla passare in terzo ordine...

Bè, King, questo è un altro problema. Sicuro che se in una guerra non ci sono giornalisti, si va a comunicati stampa di chi ha il dominio. Quindi, di informazione libera non si parla. Nè di "verità".
Se poi ci riduciessimo a dire "Repubblica si, il Foglio no" o viceversa, lederemmo il principio di libertà.
Stamattina De Michelis, ad Omnibus si chiedeva "perchè il giornalista di Repubblica andasse a fare lo scoop". Come se informare sulla guerra fosse uno scoop.

_________________
mi sono rimasti solo tre neuroni. E non sono neanche d'accordo fra di loro....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 12 aprile 2007, 21:36 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:59
Messaggi: 4686
Non voglio intervenire su questa vicenda perchè ne parla già troppa gente che sta col culo al caldo della propria poltrona o del proprio seggio in Parlamento e non in un ospedale o a fare il proprio lavoro.
Ma uno stato ha il dovere di aiutare i propri cittadini all' estero, siano alpinisti, giornalisti, turisti o altro. Altrimenti non è uno stato.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 12 aprile 2007, 21:43 
Ma i privati no?

Io penso che un caporedattore che invii un proprio sottoposto in un teatro di guerra sapendo quello che vi accade debba prendersi le proprie responsabilità..


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 12 aprile 2007, 22:47 
Non connesso
Blessed Soul
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:45
Messaggi: 1467
Località: romagna. un altro mondo possibile
King Ivan ha scritto:
Ma i privati no?

Io penso che un caporedattore che invii un proprio sottoposto in un teatro di guerra sapendo quello che vi accade debba prendersi le proprie responsabilità..

Dopo.... semmai come stato mi rivalgo su chi l'ha mandato in qualche modo. Ma la vita è la vita. Non si fa sofismo sulla vita... :wink:
per me ovvio. Cerchiamo di salvare i fumatori, immagina se non sono disposto a salvare chi cerca di informarmi. :lol:

_________________
mi sono rimasti solo tre neuroni. E non sono neanche d'accordo fra di loro....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 12 aprile 2007, 22:59 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:59
Messaggi: 4686
Certo, lo stato si occupa anche dei privati. Io mi trovavo in Albania il 20 febbraio 1991, il giorno in cui iniziò la rivoluzione contro il Partito Comunsta albanese e il presidente Ramiz Alia. Io e i miei colleghi decidemmo di rimanere, uno decise di tornare a casa e fu rimpatriato con un aereo dall'ambasciata italiana.
Non è pensabile che un direttore di giornale tratti per la liberazione di un suo giornalista. In uno stato libero con stampa libera è lo stato che si occupa di queste cose, fa parte dei suoi compiti.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 12 aprile 2007, 23:04 
Mi avete convinto :)


Top
  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 11 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010