Il Forum a cura di NonSoloBoxe

Per discutere di Boxe e non solo...
Oggi è giovedì 22 agosto 2019, 2:34

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Al Gore, premio Nobel per la pace
MessaggioInviato: venerdì 12 ottobre 2007, 13:16 
Non connesso
Peso Cruiser

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:08
Messaggi: 8704
Località: milano
Quest'anno l'assegnazione dei Nobel mi suscitano pensieri ed emozioni differenti; quello sulla medicina, amarezza per un italiano costretto a fare ricerca all'estero, quello sulla letteratura grande soddisfazione per la mia scrittrice preferita e che attendevo da tempo, quello ad Al Gore profonda indignazione ed amarezza, perchè non contesto il suo impegno e il suo film sull'effetto serra, ma in base ad un libro scritto da due ambientalisti americani vicini a Nader, Wallach e Sforza, WTO, Feltrinelli editore, fondato su documenti ufficiali, Al Gore era ai tempi dell'amministrazione Clinton, a capo del collegio di difesa nella causa che il WTO intentò contro il Sudafrica di Mandela che aveva cercato di far produrre dalle industrie locali e distribuire a carico dello Stato, medicine anti Aids con lo stesso principio attivo di quello delle multinazionali americane. Gore sostenne e vinse la causa delle multinazionali.

Complimenti all'accademia svedese.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 12 ottobre 2007, 22:16 
Concordo Emily, il trionfo dell'ipocrisia, sarà che a me Gore (per cui assieme a Bush ai tempi della campagna per le presidenziali coniai un appellativo irripetibile) non ha mai convinto, soprattutto nel post sconfitta : questo volersi riciclare a tutti i costi, che mi ricorda i politici nostrani (penso "all'africano", ma lasciamo perdere qualcuno avrà capito) !

...peccato...


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 12 ottobre 2007, 23:30 
Non connesso
Peso Cruiser

Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 9:47
Messaggi: 9080
Località: Napoli
Concordo anch'io.
Scandaloso si.
A questo punto hanno ragione quelli che criticano gli svedesi per non averlo dato al Papa Polacco che rispetto ad Al Gore ne avrebbe meritato una decina.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: domenica 14 ottobre 2007, 13:28 
Non connesso
Peso Superwelter
Avatar utente

Iscritto il: sabato 7 aprile 2007, 18:49
Messaggi: 1372
aaaah, non sapevo del ruolo di Gore nella questione dei brevetti, 'sto fetentone.

emily ha scritto:
quello sulla medicina, amarezza per un italiano costretto a fare ricerca all'estero

in realtà il nobel è emigrato negli USA fin da ragazzino, non parla neppure la nostra lingua. Una bella storia, la sua, da 'sogno americano', ma in cui l'Italia c'entra poco, nel bene e nel male. Insomma, il titolone "E' italiano il Nobel per la Medicina" è stato una ridicola mistificazione della stampa italiana: non basta riferire un fatto, no, bisogna venderlo.
C'entrano, gli italiani, con la genetica, però. E' un campo che deve molto ai nostri. Ad esempio, uno dei professori di Capecchi, Watson (lo scopritore della struttura del DNA), era a sua volta un allievo di Salvador Luria, torinese emigrato in seguito alle leggi razziali, padre della biologia molecolare, e maestro di altri scienziati innovativi (fra cui Dulbecco).
Tutto questo per dire che i divieti alla ricerca sulle cellule staminali adulte penalizzano un settore, quello della biologia molecolare, in cui da sempre i nostri compatrioti eccellono.
Oltre che un settore che in questo momento è fra i più promettenti nel mondo della ricerca. Non a caso anche gli altri due studiosi che hanno vinto il nobel, sono stati premiati per la ricerca sulle cellule staminali (per tacere del dramma italico - perchè di dramma si tratta - causato dalla miope scarsità di risorse pubbliche e private investite nella ricerca di base, ma tanto è storia nota).

Nobel per la Pace. Ero stato felicissimo quando l'avevano assegnato a Muhammad Yunus (che avrebbe meritato di più quello dell'economia).
Di cui consiglio la lettura de 'Il Banchiere dei Poveri'.

_________________
la ragione cerca quello che non trova, l'istinto coglie quello che non cerca


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lunedì 15 ottobre 2007, 16:46 
Non connesso
Peso Superwelter
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 10:31
Messaggi: 1326
Tra l'altro, scusate, ma come si fa a dare il nobel per la pace a un uomo che sarebbe stato pronto, se avesse vinto le ultime elezioni, a diventare il capo dell'esercito più potente (forse, sapete la Cina...) e più guerrafondaio del mondo e della storia?

_________________
mirko "the moviemaker"

"there is no shame in going down, the shame is in staying down."
Muhammad Ali


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lunedì 15 ottobre 2007, 17:09 
Non connesso
Peso Superpiuma

Iscritto il: lunedì 9 ottobre 2006, 1:36
Messaggi: 716
pienamente d'accordo con emily.
poi tra pace ed ambiente c'è differenza.
glielo avrei attribuito se si fosse piazzato in una casetta all'interno della casbah di baghdad all'inizio dei bombardamenti per protesta...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 16 ottobre 2007, 20:01 
Non connesso
Peso Superleggero

Iscritto il: domenica 23 settembre 2007, 20:31
Messaggi: 944
Località: Versilia
Su uno degli ultimi "Il Sole 24 ore" c'era scritto "quest'anno gli accademici svedesi hanno dipinto il bianco della pace di verde" (vado un po' a memoria); su questo non sono d'accordo.
Gore ha portato avanti una battaglia sacrosanta in maniera assai efficace, anche se forse è solo il momento che è quello giusto, però è una battaglia che riguarda altro.
Il nobel per la pace è un nobel "scivoloso" perché o premia organizzazioni intere o, se premia individui, è possibile, anzi spesso accade, che nel corso della vita abbiano fatto o detto cose che mal si coniugano con il concetto di pace (Nobel è il tizio che ha inventato la nitroglicerina!), mentre il nobel viene percepito come una sorta di processo di santificazione.
Il premio invece viene assegnato in determinati momenti storici e per fatti sostanzialmente precisi.
Per quanto riguarda l'accusa di riciclaggio invece mi pare ingenerosa per Gore, trombato alle elezioni per (forse) pochi voti e che ha accettato la sconfitta senza polemiche, uscendo dalla scena politica ed evitando di innescare un processo di spaccatura che chissà quali esiti avrebbe potuto avere (oddio! Visto Bush all'opera forse avrebbe potuto rischiare).


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010