Il Forum a cura di NonSoloBoxe

Per discutere di Boxe e non solo...
Oggi è martedì 16 luglio 2019, 2:16

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 23 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 22 agosto 2006, 14:54 
Non connesso
Blessed Soul
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:45
Messaggi: 1467
Località: romagna. un altro mondo possibile
Casa c'entrino le frizioni interetniche nell'omicidio commesso del sagrestano cingalese cattolicissimo, me lo spiegherà poi qualcuno.
Come in un omicidio senza furto o scasso......
Anzi, se me lo si spiega....

e se mi si può spiegare perchè le tre denunce di violenza della povera Pakistana sgozzata sono finite nel nulla, senza che polizia, servizi sociali o iddomina chi vuoi mettesse il naso in quella situazione....

Una società "avanzata" non può non avere strumenti e mezzi per intervenire quando SA che c'è un problema di integrazione potenzialmente deflagrante.
Ululare alla luna dopo, è per lo meno peloso.

Nessuno dice che problemi non ce ne sono o non ce ne saranno in futuro.
Ma la soluzione non è "mandateli a casa loro" salvo poi richiamarli per potere eseguire quei lavori sporchi e sottopagati, che i bresciani (come i bolognesi..) non vogliono fare.

Siamo tutti fratelli qualcuno diceva.
Il ruolo del fratello sciocco che fatica di fronte al fratello ricco che ingrassa, non mi pare richiestissimo in giro. Farlo fare a cingalo/pakistani, mi pare soluzione comune.
Poi fargli la morale perchè non si "integra" (cioè, in fondo, non è grato e contento del suo destino...) mi pare limitativo.
Non dico di più. Limitativo.

Un raccontino personale. In un luogo della costa romagnola, causa goffo tentativo di trovare un parcheggio, mi sono insabbiato con l'auto.
Come molti sanno, sono un disabile. Non finto.
E mi sono messo grottescamente a cercare di togliere sabbia. I turisti integrati che mi vedevano dai vicini ombrelloni, non hanno fatto una piega. In fondo le ferie sono sacre.
si suda col racchettone, mica per liberare le ruote dell'auto ad uno storpio...
3 "vucumprà" si sono fermati ad aiutarmi. e mi hanno liberato. Senegalesi. Musumani.
20 euro a testa non richiesti per fare bere loro qualcosa. Chi era più integrato? Loro o chi mi guardava sottocchi senza muovere un dito?
Ma non fa notizia.
Niente morti, niente sangue, niente cattiveria (da parte dei selvaggi immigrati...). Solo la solita faccia di m. di una società di menefreghisti che non vuole essere disturbata da nessuno. Neanche da chi ha bisogno.

Che vogliamo insegnare?

_________________
mi sono rimasti solo tre neuroni. E non sono neanche d'accordo fra di loro....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 22 agosto 2006, 15:21 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:59
Messaggi: 4684
Per quello che può valere due anni fa mentre rincorrevo un filobus dietro la Stazione Centrale di Milano mi si è piegata la caviglia sinistra (vecchio infortunio) e sono malamente caduto. Nulla di grave ma mi hanno visto in 100 almeno. L'unico che mi si è avvicinato per aiutare a rialzarmi e vedere se mi ero rotto qualcosa è stato un nordafricano.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 22 agosto 2006, 15:31 
Non connesso
Peso Gallo

Iscritto il: domenica 5 marzo 2006, 19:45
Messaggi: 442
mantequilla ha scritto:

3 "vucumprà" si sono fermati ad aiutarmi. e mi hanno liberato. Senegalesi. Musumani.
20 euro a testa non richiesti per fare bere loro qualcosa. Chi era più integrato? Loro o chi mi guardava sottocchi senza muovere un dito?
Ma non fa notizia.
Niente morti, niente sangue, niente cattiveria (da parte dei selvaggi immigrati...). Solo la solita faccia di m. di una società di menefreghisti che non vuole essere disturbata da nessuno. Neanche da chi ha bisogno.

Che vogliamo insegnare?



Scusa Mantequilla ma questi discorsi io non li ho mai potuti sopportare.
Per me fanno il paio con "non bisogna generalizzare" e "non sono tutti così". Ci sono casi in cui generalizare è assolutamente legittimo e sacrosanto, e altri in cui va evitato. Avrebbero puto aiutarti gli italiani e stare a guardare i neri, non avrebbe significato assolutamente nulla. Ma non è questo il punto. Qualche mese fa leggevo un articolo, appena mi ricordo il titolo della rivista lo posterò, in cui si analizzavano i tassi di criminalità suddivisi per etnie in alcune delle maggiori metropoli mondiali. Non ho alcuna informazione riguardo l'attendibilità delle cifre, dell'imparzialità dell'autore o della veridicità di quello che si diceva, ma mi ha colpito una considerazione: si diceva che a Samoa non esiste il concetto di violenza sessuale come lo intendiamo noi, cioè che lo stupro è un atto che i samoani non si sognerebbero mai di commettere. Questo mi aveva portato a pensare ai nativi americani e a quanto poco si parli di loro quando si citano in America i casi di violenza, in contrapposizione ai portoricani, neri americani dei ghetti e affini. Non credo che nelle riserve si viva meglio dei ghetti, anzi, i nativi hanno anche la "scusante" morale del loro popolo annientato, eppure dicono siano tra i più orgogliosi e MITI che ci possano essere. Piuttosto si rifugiano nell'alcol e vivono da barboni, ma non rompono le scatole alla gente.
Io sono fermamente convinto che queste cose significhino qualcosa, e non mi va quando me la menano con la scusa del contesto sociale o con il fatto che è normale trovare un gran numero di criminali slavi, kosovari e romeni solo perchè l'incidenza statistica di tali gruppi è maggiore rispetto ad altri. Mi darebbe molto fastidio se queste mie righe venissero male interpretate, scempiaggini come la superiorità della razza fortunatamente sono superate da anni, ma ci sono fatti che non possono venire ignorati.
Io penso che se un povero disperato arriva in Italia su un barcone ha due possibilità: vivere da sbandato e diventare criminale, o vivere da sbandato e basta. I fatti dicono che certe etnie si adattano molto volentieri alla prima, tutto qui. Quante persone dell'est europa hai visto vendere accendini? Io nessuna, troppa fatica, preferiscono entrare nelle ville a servirsi da se. E non lo dico io, dannazione, lo dicono i fatti quando li beccano.
Questo vuol dire che sono tutti così? Assolutamente no, così come i Corleonesi non sono tutti mafiosi, ma una gran fetta sì, e gli onesti la pagano anche per loro, in termini di considerazione.


Ultima modifica di Matteo il martedì 22 agosto 2006, 15:59, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 22 agosto 2006, 15:41 
Non connesso
Peso Gallo
Avatar utente

Iscritto il: sabato 4 febbraio 2006, 16:06
Messaggi: 420
Cita:
Un raccontino personale. In un luogo della costa romagnola, causa goffo tentativo di trovare un parcheggio, mi sono insabbiato con l'auto.
Come molti sanno, sono un disabile. Non finto.
E mi sono messo grottescamente a cercare di togliere sabbia. I turisti integrati che mi vedevano dai vicini ombrelloni, non hanno fatto una piega. In fondo le ferie sono sacre.
si suda col racchettone, mica per liberare le ruote dell'auto ad uno storpio...
3 "vucumprà" si sono fermati ad aiutarmi. e mi hanno liberato. Senegalesi. Musumani.
20 euro a testa non richiesti per fare bere loro qualcosa. Chi era più integrato? Loro o chi mi guardava sottocchi senza muovere un dito?
Ma non fa notizia.


Per me fa notizia ed apprezzo molto chi concede a storie come questa
un pò di spazio tra le tante avventure dei figli di Lele Mora.

Non fa notizia, invece, chi concede ad uno straniero che ha sgobbato
per lui un intero pomeriggio, che vive di lavoretti occasionali, probabilmente irregolare,
una mancia inferiore a quella che avrebbe malvolentieri dato ad un Italiano... per non farlo abituare troppo bene.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 22 agosto 2006, 16:22 
Non connesso
Blessed Soul
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:45
Messaggi: 1467
Località: romagna. un altro mondo possibile
Matteo ha scritto:
mantequilla ha scritto:

3 "vucumprà" si sono fermati ad aiutarmi. e mi hanno liberato. Senegalesi. Musumani.
20 euro a testa non richiesti per fare bere loro qualcosa. Chi era più integrato? Loro o chi mi guardava sottocchi senza muovere un dito?
Ma non fa notizia.
Niente morti, niente sangue, niente cattiveria (da parte dei selvaggi immigrati...). Solo la solita faccia di m. di una società di menefreghisti che non vuole essere disturbata da nessuno. Neanche da chi ha bisogno.

Che vogliamo insegnare?



Scusa Mantequilla ma questi discorsi io non li ho mai potuti sopportare.
Per me fanno il paio con "non bisogna generalizzare" e "non sono tutti così". Ci sono casi in cui generalizare è assolutamente legittimo e sacrosanto, e altri in cui va evitato. Avrebbero puto aiutarti gli italiani e stare a guardare i neri, non avrebbe significato assolutamente nulla. Ma non è questo il punto. Qualche mese fa leggevo un articolo, appena mi ricordo il titolo della rivista lo posterò, in cui si analizzavano i tassi di criminalità suddivisi per etnie in alcune delle maggiori metropoli mondiali. Non ho alcuna informazione riguardo l'attendibilità delle cifre, dell'imparzialità dell'autore o della veridicità di quello che si diceva, ma mi ha colpito una considerazione: si diceva che a Samoa non esiste il concetto di violenza sessuale come lo intendiamo noi, cioè che lo stupro è un atto che i samoani non si sognerebbero mai di commettere. Questo mi aveva portato a pensare ai nativi americani e a quanto poco si parli di loro quando si citano in America i casi di violenza, in contrapposizione ai portoricani, neri americani dei ghetti e affini. Non credo che nelle riserve si viva meglio dei ghetti, anzi, i nativi hanno anche la "scusante" morale del loro popolo annientato, eppure dicono siano tra i più orgogliosi e MITI che ci possano essere. Piuttosto si rifugiano nell'alcol e vivono da barboni, ma non rompono le scatole alla gente.
Io sono fermamente convinto che queste cose significhino qualcosa, e non mi va quando me la menano con la scusa del contesto sociale o con il fatto che è normale trovare un gran numero di criminali slavi, kosovari e romeni solo perchè l'incidenza statistica di tali gruppi è maggiore rispetto ad altri. Mi darebbe molto fastidio se queste mie righe venissero male interpretate, sciempiaggini come la superiorità della razza fortunatamente sono superate da anni, ma ci sono fatti che non possono venire ignorati.
Io penso che se un povero disperato arriva in Italia su un barcone ha due possibilità: vivere da sbandato e diventare criminale, o vivere da sbandato e basta. I fatti dicono che certe etnie si adattano molto volentieri alla prima, tutto qui. Quante persone dell'est europa hai visto vendere accendini? Io nessuna, troppa fatica, preferiscono entrare nelle ville a servirsi da se. E non lo dico io, dannazione, lo dicono i fatti quando li beccano.
Questo vuol dire che sono tutti così? Assolutamente no, così come i Corleonesi non sono tutti mafiosi, ma una gran fetta sì, e gli onesti la pagano anche per loro, in termini di considerazione.


Cita:
Scusa Mantequilla ma questi discorsi io non li ho mai potuti sopportare.


Scusato, senza problemi .
E con serenità. Sapessi la lista delle cose che non ho mai potuto sopportare ed ho dovuto farlo..... a cominciare dal mio stato.

Però non interpretare male.
Io non ho scritto da nessuna parte che tutti gli immigrati sono buoni e gentili. Ho scritto quello che è capitato a ME. Singolo episodio che ha il valore di ogni altro singolo episodio. Sono ALTRI che dicono e scrivono che immigrazione è sintomo SEMPRE di criminalità, aberrazione, mancanza di solidarietà.

Probabilmente se TU mi vedevi, mi davi una mano. Resta il fatto che è normale per La nostra SOCIETA' fregarsene di chi ha un guaio. grande o piccolo che sia.
Qui stiamo parlando di integrazione.
Se una società è sorda al richiamo (generico) della sofferenza, come può pensare di integrarsi con altri tipi di società?
Questa è la mia domanda.
e guarda che non cado nel tranello "siamo noi i cattivi e gli altri le vittime". Ogni comunità ha le sue rigidità. Solo che noi, quando ci troviamo di fronte a cose sgradevoli, scordiamo le nostre di colpe. Piccole o grandi che siano. Mi infastidisce (stavolta l'infastidito sono io...) l'insensibilità alle richieste di aiuto. Poi ci si stupisce delle tragedie.
Il padre che sgozza la figlia "cattiva musulmana" è un arretrato. Bestia/padrone come i nonni campagnoli di una volta. Padri e padroni.
Ma tre denunce non sono bastate a fare scattare l'allarme verso quella situazione?
No , non sono bastate....
Posso chiedermi il perchè?
Tu che risposta dai?
Io ho la mia ipotesi. Non siamo come società, e quindi come singoli, abituati a rispondere al richiamo della sofferenza. Possibilmente con amore.
Ed allora soluzioni burocratiche, lavative, scartoffie...poi una gola sgozzata e giù tutti a gridare al raccapriccio. Quando bastava rispondere con attenzione ed amore a ciò che ci era chiesto.
Resta fre capire ad una comunità, pakistana, nel caso, che certe cose non sono concesse. Ma questo lo vedo facile.....
L'indifferenza nostra è comportamento comune. Brescia non è eccezione.
Trovo il parcheggio per disabili perennemente occupato sotto casa, trovo i marciapiedi occupati da Jipponi parcheggiati in modo che chi ha problemi motori non possa passare e lo trovo ovunque.
Che c'entra con una gola tagliata?
Poco e tanto.
Poco nello specifico, anzi niente. Molto nel sistema di relazionarsi. Menefreghista ed individualista.
Gli slavi delinquono? Vadano in galera e rispediti a casa loro. Senza problemi e senza MA.
Ma proviamo un pò di vergogna per ciò che offriamo loro? In contemporanea, non in alternativa.
Una ragazza di 25 anni , può guadagnare 600 euro mensili + alloggio in un sottoscala per badare un anziano 24 ore su ventiquattro?
Non proviamo proprio vergogna a proporre condiziobi simili a chi slavo NON vuole delinquere?

Sai, sono sufficientemente vecchio da aver vissuto la fola che i meridionali portavano su al nord merxa e corruzione.
Ora sono gli extracomunitari...
Per me sono i delinquenti a delinquere. ed è una distinzione netta. Delinquente è chi delinque. Qualunque sia il suo paese di nascita. Poi uno delinque speculando in borsa , mettendo sul lastrico famiglie su famiglie con le mani pulite ed un altro scippa la vecchietta. Ma delinquenti entrambi restano. Con una sola e piccola differenza. Rubare per fame non è bello ma è più comprensibile che rubare per farsi la Mercedes o la villa a Cortina....
Scusa ma la penso così.
E non scordiamoci che cercavamo di trovare risposta alla domanda...e come ci si integra fra mondi diversi?
Fregandosene no.
E lasciando insabbiato il sottoscritto neanche.

_________________
mi sono rimasti solo tre neuroni. E non sono neanche d'accordo fra di loro....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 22 agosto 2006, 17:14 
Non connesso
Peso Gallo

Iscritto il: domenica 5 marzo 2006, 19:45
Messaggi: 442
mantequilla ha scritto:
E non scordiamoci che cercavamo di trovare risposta alla domanda...e come ci si integra fra mondi diversi?
Fregandosene no.
E lasciando insabbiato il sottoscritto neanche.


Sai, io credo che la risposta alla questione dell'integrazione sia talmente semplice che nessuno ci pensa mai proprio perchè tale.
I vari, dico dei nomi a caso tanto per restare in tema, "Paul Malignaggi", "Rocky Marciano", erano/sono tutti integratissimi. E i figli dei vari Abdullah che ci sono oggi in Italia, saranno tutti integratissimi.
Ma i loro genitorino , non possono esserlo, sono due mondi troppo, troppo diversi.
E non è sbagliato, è solo LOGICO.
Ma perchè non ci si rende conto che non stiamo parlando di italiani e francesi e/o italiani e svizzeri? Qui si parla di due mondi completamente diversi, da sempre, e chi l'ha detto che dovrebbero per forza, come per magia, amalgamarsi?
Credo sarà solo questione di aspettare la prossima generazione. Nel frattempo è inutile stare a pensare a cosa fare per migliorare l'integrazione. Stiamo parlando di persone adulte e consapevoli che per propria scelta, così come i nostri antenati emigranti faceano, si ricreano il proprio microcosmo nel nuovo Paese. E io non credo nemmeno che non facciano sforzi per integrarsi, perchè per me sono già abbastanza integrati, solo che si arriva a un punto in cui più in là non si può andare: andare oltre vorrebbe dire smettere di fare piccoli sacrifici per rinunciare a qualcosa di davvero grosso, cioè pezzi della propria cultura, e non mi sentirei di chieder loro di farlo.
Ma ripeto, i loro figli nasceranno qui, non avranno di questi problemi.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: martedì 22 agosto 2006, 17:25 
mantequilla ha scritto:
Casa c'entrino le frizioni interetniche nell'omicidio commesso del sagrestano cingalese cattolicissimo, me lo spiegherà poi qualcuno.


Niente, non c'entrano niente. Non c'è nessuna frizione interetnica a Brescia, tralatro. Nessuno ha mai fatto nulla a nessun extracomunitario.
Interi quartieri sono abitati esclusivamente da extracomunitari, il 13,3% dei residenti, percentuale massima in Italia.

Se vengono in tanti proprio qua, vuol dire che si sta bene.

Mi correggo: una volta dei ragazzi di Brescia, con lavoro casa e tutto quanto, hanno fatto a pezzi una prostituta dell'Est.
Ma cose limitate, insomma.

A Napoli o a Roma correrebbero qualche rischio in più, qua no, nessuno.
L'unico sfigato un romeno ieri, in centro, rapinato da un algerino :D


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 23 agosto 2006, 18:48 
Passo per aggiornamento della lista degli omicidi all'ombra del Cidneo.

Stanotte accoltellato a morte pakistano, probabile lite fra connazionali.


Top
  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 23 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010