Il Forum a cura di NonSoloBoxe

Per discutere di Boxe e non solo...
Oggi è lunedì 22 luglio 2019, 1:55

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Consigli di lettura
MessaggioInviato: martedì 15 agosto 2006, 12:52 
Non connesso
Peso Gallo
Avatar utente

Iscritto il: sabato 4 febbraio 2006, 16:06
Messaggi: 420
Immagine
352 pagine
9.60 €

Eppure leggendolo si capiscono parecchie cose. Per esempio come si può essere oggi giornalisti. E perchè non riusciamo a trovare la strategia giusta per combattere il terrorismo. Come sempre sono i fatti, le testimonianze, i documenti, le storie delle persone che fanno la realtà e le cose. Poi ci sono gli editorialisti, i politologi, i politici, gli esperti che ogni giorno ci introducono alla difficile arte della guerra. Ma quelle sono parole, esercizi e acrobazie dialettiche.
Qui il lettore viene accompagnato dall'autore a verificare che cosa è successo in quelle parti del mondo che oggi sono a noi nemiche e che ieri noi abbiamo usato per interessi di parte.
Abbiamo sfigurato la realtà e non lo diciamo, anzi, facciamo finta di niente.
Quello che è stato fatto dalle democrazie occidentali è alla radice del terrorisnmo che oggi ci annichilisce.
Barnard ricostruisce i crimini commessi in Cecenia, Palestina, America Latina, Indonesia, Africa: milioni di innocenti ammazzati e da noi dimenticati.
Queste pagine obbligano a prendere coscienza di una realtà che fa male: il terrorismo lo abbiamo inventato noi, qui ci sono le prove. Leggete questo libro e fatelo leggere contro l'indifferenza dei mass media.

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 17 agosto 2006, 10:35 
Non connesso
Peso Gallo
Avatar utente

Iscritto il: sabato 4 febbraio 2006, 16:06
Messaggi: 420
Immagine
Il cervello della donna ha ora il suo manuale per l'uso. E la lettura può essere assai utile per gli esponenti dell'altro sesso, abituati a ironizzare e rassegnarsi di fronte alle "tempeste ormonali" delle proprie compagne. Riassumendo anni di studi, una neuropsichiatra della California ha lanciato negli Usa un libro che analizza la diversità tra l'attività cerebrale maschile e femminile, provocando immediate reazioni furiose tra le femministe.
"The Female Brain" è il risultato di 20 anni di studi su donne e ormoni da parte dalla neuropsichiatra Louann Brizendine ed è anche una panoramica su decine di studi e ricerche svolti in questi anni su questo tema.

La tesi proposta dal volume è che la chimica cerebrale e lo stesso "cablaggio" del cervello femminile lo rendono profondamente diverso da quello degli uomini. Anche impulsi delle adolescenti come la passione per gli Sms o per lo shopping, secondo lo studio, possono essere spiegati studiando le attività ormonali. ''So che non è 'politicamente corretto' dirlo - ha spiegato la Brizendine al settimanale Newsweek - e per anni mi sono divisa tra le mie idee politiche e quello che ci dice la scienza.
Ma credo che le donne davvero percepiscano il mondo in modo diverso dagli uomini. Se le donne fanno attenzione a queste diversità, possono prendere decisioni migliori su come gestire le loro vite''.

Il tema delle diversità cerebrali tra uomo e donna è da tempo un terreno minato negli Usa. L'ex rettore di Harvard, Lawrence Summers, si è giocato il posto mesi fa per aver sostenuto che studi scientifici proverebbero che le donne hanno limiti congeniti nell'affrontare tematiche scientifiche e questo ne spiegherebbe il minor successo accademico.
Le reazioni alle tesi della Brizendine, il cui libro fa discutere prima ancora di essere sugli scaffali, sono in molti casi ai limiti dello sdegno. La psicologa Janet Hyde, dell' Università del Wisconsin a Madison, sostiene per esempio che decenni di studi sulle differenze tra i cervelli dell'uomo e della donna hanno portato a concludere che le diversità ''sono statisticamente vicine allo zero" e per questo leggere ricerche come quella della neuropsichiatra della California ''fa male alla mia pressione''.
Anche per la psichiatra Nancy Andreasen dell'Università dell'Iowa, considerata un'autorità in materia, le differenze sono prive di significato scientifico e quali che siano ''sono usate solo per opprimere e sopprimere le donne''.

Ma la Brizendine non retrocede di un millimetro. Per anni, ha raccontato, le è toccato vivere in un ambiente scientifico che ha a lungo sottovalutato o ironizzato sul ruolo degli ormoni nell'attività cerebrale femminile. I suoi studi come direttrice del Women's Mood and Hormone Clinic all'Università della California a San Francisco l'hanno portata a offrire spiegazioni che utilizzano la chimica cerebrale per spiegare una vasta gamma di comportamenti.
Le diversità cerebrali, secondo la studiosa, aiutano a capire non solo perché le bambine preferiscono le bambole e i maschietti i camion-giocattolo, ma anche quali imperativi si scatenano nella mente di una teen-ager per spingerla a diventare ossessionata - assai più dei coetanei dell'altro sesso - dagli instant messenger e dai messaggini telefonici.

In un viaggio alla scoperta degli effetti di ormoni come ossitocina, prolattina, estrogeni e dopamina, il libro affronta le ragioni neurologiche per cui le donne pensano al sesso meno degli uomini e quali cambiamenti avvengono nella chimica cerebrale dopo un parto o dopo la menopausa. Le tesi della Brizendine vanno a inserirsi in un filone di studi, prolifico negli Usa, che sta avendo effetti anche sul sistema educativo del paese.
Varie scuole di pensiero che godono di ampio seguito, per esempio, sostengono che le diversità fisiche e mentali di maschi e femmine richiedono modalità di insegnamento differenti: una teoria che è alla base del numero sempre crescente di classi scolastiche che prevedono la separazione dei sessi.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 17 agosto 2006, 11:19 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:59
Messaggi: 4686
Forse i consigli di lettura dovrebbero andare nel forum Terza pagina, non credi?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 17 agosto 2006, 11:26 
Non connesso
Peso Gallo
Avatar utente

Iscritto il: sabato 4 febbraio 2006, 16:06
Messaggi: 420
Bonaccorso ha scritto:
Forse i consigli di lettura dovrebbero andare nel forum Terza pagina, non credi?



Prima Pagina
Notizie dal Mondo

Terza Pagina
In questo Forum si discute di poesia e letteratura.

I due titoli che ho indicato si adatterebbero male
tra "poesia e letteratura".

Ti pare?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 17 agosto 2006, 12:35 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:59
Messaggi: 4686
Mah, in realtà non so bene neanche io, ma Prima pagina in teoria non dovrebbe essere il posto dove si presentano dei libri.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010