Il Forum a cura di NonSoloBoxe

Per discutere di Boxe e non solo...
Oggi è lunedì 22 luglio 2019, 3:28

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 78 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 1 settembre 2006, 19:53 
Zdenek ha scritto:
Iraq e Libano sono per te la stessa sbobba?
La Costituzione è un fumetto da leggere nelle ore di siesta?


Per me si, e perchè no?
Per la missione Italiana in Iraq c'era una risoluzione Onu, per la missione italiana in Libano c'è una risoluzione Onu.

C'è il sito dell'Onu, http://www.un.org credo, si possono leggere le relative risoluzioni.
Per il profilo costituzionale dell'impegno di nostri soldati è un dato molto importante.

Stavolta però siamo protagonisti noi, non ci vanno gli americani.
Auguriiii, auguri.....non so bene a chi, ma auguriiii


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 1 settembre 2006, 19:59 
emily ha scritto:
A me è parsa interessante l'idea di king Ivan di aprire un topic sull'uccisione della ragazza di Brescia nella sezione " L'isola che non c'è". Forse il forum prima pagina porta con sè troppi residui del forum politica e società di mymag, mentre le altre sezioni, apparentemente meno frequentate, ci ispirano toni diversi, più meditati. O magari è solo una mia impressione.


Cioè, è incredibile.

Qua non sono nemmeno intervenuto, state litigando senza di me, da giorni.
E ancora sembra che l'unico problema di questo forum siano dei cosiddetti "battibecchi" che mi vedrebbero protagonista.
Mi sto riferendo a quanto affermato dal Direttore Generale di questo forum negli Stati Generali.

Orbene:
- se scrivo post non opportuni, non va bene, chiaramente
- se scrivo post opportuni, qualcuno ne aggiunge di non opportuni, e l'amministratore li definisce "battibecchi", che non vanno bene, chiaramente
- se non scrivo, rimango protagonista di "battibecchi"

Non mi rimane neppure la soluzione di non scrivere. Mi toccherà non leggere neppure.


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 1 settembre 2006, 22:30 
Non connesso
Blessed Soul
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:45
Messaggi: 1467
Località: romagna. un altro mondo possibile
Sìzigios ha scritto:
emily ha scritto:
A me è parsa interessante l'idea di king Ivan di aprire un topic sull'uccisione della ragazza di Brescia nella sezione " L'isola che non c'è". Forse il forum prima pagina porta con sè troppi residui del forum politica e società di mymag, mentre le altre sezioni, apparentemente meno frequentate, ci ispirano toni diversi, più meditati. O magari è solo una mia impressione.


Cioè, è incredibile.

Qua non sono nemmeno intervenuto, state litigando senza di me, da giorni.
E ancora sembra che l'unico problema di questo forum siano dei cosiddetti "battibecchi" che mi vedrebbero protagonista.
Mi sto riferendo a quanto affermato dal Direttore Generale di questo forum negli Stati Generali.

Orbene:
- se scrivo post non opportuni, non va bene, chiaramente
- se scrivo post opportuni, qualcuno ne aggiunge di non opportuni, e l'amministratore li definisce "battibecchi", che non vanno bene, chiaramente
- se non scrivo, rimango protagonista di "battibecchi"

Non mi rimane neppure la soluzione di non scrivere. Mi toccherà non leggere neppure.

Non è così, dai.
Se hai letto il topic sugli stati generali, non sei stato criminalizzato , come non lo è stato Zdenek.
Come ho sottolineato, a volte ci si orta dietro la ruggine che si è instaurata altrove. credo basti poco per non cadere in questo errore, umano , ma da evitarsi.
credo che il motivo sia che a volte hai un tono di scrittura (ma si dice così) sprezzante, ma tutti riconoscono l'intelligenza anche dell'opinione contraria.
Essere protagonisti è spesso un problema di chi ha personalità forti.
Volere essere forti e allo stesso tempo passare inosservati, mi pare un controsenso.
Puoi scrivere quando vuoi, e cosa vuoi. Forse in modo più dialogante e meno drastico.
Just my 2 cent.

_________________
mi sono rimasti solo tre neuroni. E non sono neanche d'accordo fra di loro....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 2 settembre 2006, 7:21 
Non connesso
Peso Gallo
Avatar utente

Iscritto il: sabato 4 febbraio 2006, 16:06
Messaggi: 420
L'ONU non ha mai autorizzato l'invasione dell'Iraq.
(La Francia, infatti, ha il potere di veto).

A Mr. Bush fu sufficiente la copertura politica della Coalizione dei Volenterosi
("Coalition of the willing").
Alle armi han pensato lui e Blair.

Però...

Non c'e' da allarmarsi se i caccia e bombardieri degli Stati Uniti si fermano a fare benzina ai nostri distributori, o se le loro navi da guerra fanno scalo nei nostri porti per rifornirsi di acqua e verdura fresca. Si tratta solo di un "uso civile" delle basi, assicura il presidente della commissione difesa, Ramponi (An).

Nell'ottobre del 2005
un quotidiano britannnico (Sunday Herald) ha ottenuto copia di un sondaggio commissionato dal ministero degli interni britannico sulle opinioni degli Iracheni riguardo l'occupazione. In base ai risultati:

* Il 50% crede che gli attacchi contro le truppe britanniche e americane siano giustificati (65% nella provincia di Maysan);
* L’82% è " fortemente contrario" alla presenza delle truppe di coalizione;
* Meno dell'1% crede che le forze della coalizione siano responsabili di un miglioramento nella sicurezza;
* Il 67% si ritiene meno sicuro a causa dell'occupazione;
* Il 43% crede che le condizioni per la pace e la stabilità siano peggiorate;
* Il 72% non ha fiducia nelle forze della coalizione.

Il reporter indipendente Dahr Jamail, che ha passato in Iraq quasi un anno, ha detto in un'intervista che i dati sono simili a quelli che lui aveva registrato sul campo, tranne per quanto riguarda il sostegno alla resistenza irachena. Infatti, secondo il reporter, subito dopo lo scoppiare dello scandalo Abu Ghurayb, questo era vicino al 80-90 % e ora si aggirerebbe sul 60-70%.

---
Questi i frutti della "Coalition of the willing"...
Per il resto, richiamo ancora l'articolo di G. A. Stella in prima pagina.

Il ruolo dell'Italia si inserisce in un contesto di stabilizzazione (risoluzione Onu 1546) con
presenza militare sotto il comando angloamericano per l’amministrazione di un paese “occupato” dalla guerra.
In altre parole, una missione che convalida a tutti gli effetti una guerra.


P.S.
23 giugno 2003
Il presidente della commissione Esteri della Camera, Gustavo Selva, commentando la ripresa delle esportazioni di petrolio iracheno (22 giugno 2003) ha affermato ''Petrolio per la pace: dopo anni in cui il greggio iracheno e' stato utilizzato da Saddam Hussein per tutt'altri scopi, adesso finalmente potrà essere usato per aiutare lo sviluppo sociale ed economico del Paese e anche in questo l'Italia e' in prima linea”. Il presidente ha aggiunto che “l'Italia e' disponibile a farsi carico di una quota di prodotti petroliferi iracheni, perché anche così vogliamo contribuire alla ricostruzione del Paese. Sono convinto che non appena arriveranno i primi 'dividendi' del petrolio iracheno finiranno anche gli attacchi ai soldati americani, creando condizioni di sicurezza e stabilità '”. Con il ''Petrolio per la Pace'' verranno ricostruite le infrastrutture del Paese, ''porti, aeroporti, scuole e case “, e l'Iraq ''diventera' un modello per tutti i Paesi della regione”.(Adnkronos)

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 2 settembre 2006, 11:15 
Non connesso
Peso Minimosca

Iscritto il: giovedì 2 marzo 2006, 10:16
Messaggi: 139
Zdenek ha scritto:
L'ONU non ha mai autorizzato l'invasione dell'Iraq.
(La Francia, infatti, ha il potere di veto).


Non usato.
Anzi il presidente Chirach ha gentilmente concesso il sorvolo dello spazio aereo Francese per gli attacchi in Iraq dicendo «ovviamente la Francia non può negare all'alleato USA questo diritto». :roll:

ups di nuovo off topic.
Adesso chiudo e intervengo solo sul Libano.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 2 settembre 2006, 11:29 
Non connesso
Peso Gallo
Avatar utente

Iscritto il: sabato 4 febbraio 2006, 16:06
Messaggi: 420
Gli ultimi rapporti dall'Iraq prima dell'invasione, (marzo 2003) uniti all'annuncio francese di un probabile veto,
furono deleteri per i tentativi anglo-americani di ottenere una nuova risoluzione che autorizzasse esplicitamente l'invasione.
Nonostante forti pressioni americane solo 4 dei 15 Stati presenti nel Consiglio (USA, Regno Unito, Spagna e Bulgaria)
erano intenzionati ad approvare la risoluzione.
Francia, Germania, Cina, Pakistan e Siria sembravano contrari, mentre
Messico, Cile, Camerun, Angola, Guinea e Russia avevano posizioni più sfumate.

La nuova risoluzione non fu quindi sottoposta al voto e Bush dichiarò che la diplomazia aveva fallito.

Il disgelo tra Francia e USA avviene sono nel giugno 2003.

Alla quarta bozza proposta
la Francia accetta la risoluzione congiunta Usa-Gran Bretagna.

Ad annunciare il sì il ministro degli Esteri Michel Barnier che ha annunciato il voto favorevole di Parigi all'ultima bozza di risoluzione sull'Iraq, la quarta.
Una scelta che però rappresenta un "no" alla richiesta di Parigi di dare al governo di Bagdad il potere di veto sulle scelte militari.


Sempre che la "Coalition of the willing"
abbia un senso...

Sempre che tutti i servizi in TV in cui si parla di Coalizione e non
di Caschi BLU abbiano un significato...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 2 settembre 2006, 12:31 
L'Onu non ha mai autorizzato l'invasione dell'Iraq (contrastata dalla sinistra italiana), come non aveva autorizzato il bombardamento di Belgrado, dritto sui civili (effettuato dalla sinistra italiana).

Ha autorizzato (ed incoraggiato in ogni modo) la missione italiana in Iraq (contrastata dalla sinistra italiana), nell'ambito dell'intera successiva occupazione.

Aveva autorizzato la precedente guerra in Iraq (contrastata dalla sinistra italiana), ha promosso la presente missione in Libano (organizzata dalla sinistra italiana).

L'Onu è quando la Francia e la Russia son d'accordo con l'America.
Questo è l'Onu, sennò niente Onu.

Scusate il tono sprezzante, ma i poteri del Consiglio di Sicurezza e i diritti di veto si sa cosa siano.


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 2 settembre 2006, 12:50 
Non connesso
Peso Gallo
Avatar utente

Iscritto il: sabato 4 febbraio 2006, 16:06
Messaggi: 420
“Io non sono mai stato convinto che la guerra fosse il sistema migliore per arrivare a rendere democratico un paese
e a farlo uscire da una dittatura anche sanguinosa”.


Io - ha detto ancora il premier, a pochi giorni dall’inchiesta di Repubblica sulle responsabilità del governo italiano nella costruzione
di prove false sulle armi irachene - ho tentato a più riprese di convincere il presidente americano a non fare la guerra (…).
Ho tentato di trovare altre vie e altre soluzioni, anche attraverso un’attività congiunta con il leader africano Gheddafi.
Non ci siamo riusciti e c’è stata l’operazione militare (…).
Io ritenevo che si sarebbe dovuta evitare un’azione militare

Silvio Berlusconi, in un'intervista a La7
31 ottobre 2005

Il giornalista Bruno Vespa cita a testimonianza di quanto afferma Berlusconi il proprio libro, Il Cavaliere e il Professore:
“Ho sempre temuto l’impresa militare in Iraq. In due successivi colloqui con il presidente Bush ho espresso queste riserve,
cercando di convincerlo a non intraprendere l’azione militare.
Gli avevo anche suggerito di subordinarla a una risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’Onu
.

Balle Spaziali ... le definirà qualcuno.



P.S.
Rileggo ora le varie considerazioni sull'ONU
fatte a seconda delle esigenze e degli intenti...

Il sito web... poi lo sprezzo... nella stessa pagina.
... ma ROTFL. Ecco a cosa servirebbero dei moderatori.

---------------
Sei solo chiacchiere e distintivo, chiacchiere e distintivo!
(Robert De Niro in "Gli intoccabili")

_________________
Immagine


Ultima modifica di Zdenek il sabato 2 settembre 2006, 13:57, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 2 settembre 2006, 13:40 
Non c'era nessuna risoluzione per invadere l'Iraq, ce ne sono state due per incoraggiare qualunque stato ad andarci in seguito.
In questo quadro di legittimità internazionale è iniziata e si è compiuta la missione italiana Antica Babilonia.

Fuori da tale situazione legittimante sono state condotte l'invasione irakena del 2003 e l'aggressione alla Yugoslavia del '99.
Ci si è richiamati ad altre ipotesi di legittimità (molto meno compatibili con la nostra Carta Costituzionale, secondo me), o si è bombardato e basta.

Questo è oggettivo, scusate il tono sprezzante.


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 2 settembre 2006, 14:00 
Non connesso
Peso Gallo
Avatar utente

Iscritto il: sabato 4 febbraio 2006, 16:06
Messaggi: 420
Zdenek ha scritto:
Il ruolo dell'Italia si inserisce in un contesto di stabilizzazione (risoluzione Onu 1546) con
presenza militare sotto il comando angloamericano per l’amministrazione di un paese “occupato” dalla guerra.
In altre parole, una missione che convalida a tutti gli effetti una guerra.


Alcune condizioni sono necessarie ma non sufficienti
all'epressione di un pensiero e, di seguito, di un'azione
coerentemente con quelli che sono i Principi di una Carta Costituzionale.

In qualsiasi Ateneo degno di tale nome insegnano che
in assenza della condizione necessaria, la sufficienza non è neppure
da prendersi in considerazione.







-----------------------------
Sei solo chiacchiere e distintivo, chiacchiere e distintivo!
(Robert De Niro in "Gli intoccabili")

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 2 settembre 2006, 15:25 
Zdenek ha scritto:
In qualsiasi Ateneo degno di tale nome insegnano che
in assenza della condizione necessaria, la sufficienza non è neppure
da prendersi in considerazione


Esisteva ogni condizione necessaria per la legittimità interna ed internazionale (che fino ad un certo punto coincidono) della missione italiana in Iraq, Signor Professore.


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 2 settembre 2006, 16:50 
Non connesso
Peso Gallo
Avatar utente

Iscritto il: sabato 4 febbraio 2006, 16:06
Messaggi: 420
Il mare è blu.
Il cielo è azzurro.

Il sole è giallo.
Il prato è verde.


..................................... forse, non si sa per certo.



P.S.
Sbaglio oppure ho anche scritto di condizioni sufficienti?
Quello è il secondo step... porta spesso a molte bocciature:
analisi, geometria, complementi... Diritto Costituzionale... etc etc


Ultima modifica di Zdenek il sabato 2 settembre 2006, 17:15, modificato 2 volte in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 2 settembre 2006, 16:54 
Non connesso
Peso Gallo
Avatar utente

Iscritto il: sabato 4 febbraio 2006, 16:06
Messaggi: 420
L'AV8b Harrier 2+ della Marina Italiana è un ottimo intercettore per la protezione della flotta con straordinarie capacità stol e vtol.
Non è un bombardiere, può sganciare bombe, certo, ma non è quello il suo impiego.

Se volessimo bombardare una volta preso il controllo del territorio
manderemmo Tornado IDS ed AMX.

Centrodestra e centrosinistra non c'entrano nulla,
la pianificazione delle missioni è fatta dagli stati maggiori in base
agli obiettivi che la politica indica.



----------------------
-----------------------------
Sei solo chiacchiere e distintivo, chiacchiere e distintivo!
(Robert De Niro in "Gli intoccabili")

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 2 settembre 2006, 18:28 
Zdenek ha scritto:
P.S.
Sbaglio oppure ho anche scritto di condizioni sufficienti?
Quello è il secondo step... porta spesso a molte bocciature:
analisi, geometria, complementi... Diritto Costituzionale... etc etc


Allora, sul punto specifico della legittimità costituzionale ed internazionale di alcune recenti situazioni d'impiego delle nostre Forze Armate mi sembra di aver esposto le mie convinzioni in modo breve, civile ed affatto polemico.

Non credo quindi ci sia alcun bisogno nè di offese nè di polemiche inutili.

Vedi di piantarla, per cortesia, e magari anche di scusarti.
Veloce.
Mi rivolgo anche ai moderatori.


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 2 settembre 2006, 18:35 
Non connesso
Peso Gallo
Avatar utente

Iscritto il: sabato 4 febbraio 2006, 16:06
Messaggi: 420
Zdenek ha scritto:
Le parti in campo, compresi Parlamento e Governo italiani (con esponenti dell’opposizione) ammettono chiaramente
che si tratta di operazioni di guerra e del conseguente uso delle forze armate
in missioni di combattimento.

Ritengo inutile qui elencare le numerose letture della Costituzione
alla luce dei Trattati Internazionali.

De Fiores, De Vergottini, Carnevale...
lo fanno certamente meglio di me in qualsiasi libreria.


Guerra umanitaria, Guerra preventiva, Guerra al terrorismo...

Sono delle nuove forme di conflitto a cui l'ordinamento costituzionale italiano
non può fornire delle soluzioni di immediata lettura.
I meccanismi di adesione alle Nazioni Unite tendono a far dimenticare che
il concetto legato alla semplice parola GUERRA è qualcosa di concreto.

Si delega, allontanando da sé non solo le decisioni ma soprattutto
i ragionamenti ed i PRINCIPI che a tali decisioni devono portare.

Ebbene,
io preferisco essere tra quelli che provano a ragionare sulla scorta
di PRINCIPI concreti, condivisi, universali.

Lascio agli altri il "lancio della monetina".


Immagine

Una buona moderazione
non permetterebbe repliche che mostrino palesemente
un "ingresso random" nella discussione.


----------------
Sei solo chiacchiere e distintivo, chiacchiere e distintivo!
(Robert De Niro in "Gli intoccabili")

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 78 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010