Il Forum a cura di NonSoloBoxe

Per discutere di Boxe e non solo...
Oggi è mercoledì 13 dicembre 2017, 5:17

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 161 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 11  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Marat Safin e David Nalbandian
MessaggioInviato: mercoledì 29 agosto 2007, 20:52 
Vittorie simili, quelle al primo turno US di due giocatori che si incontrarono proprio qui,lo scorso anno.

Finì,inevitabilmente, al Tie-Break del quinto. Ci sarebbero stati altri due Rendez-vous, la bellissima sfida madrilena vinta da david dopo un terzo set thriller, e l'incontro di davis destinato a riservare a Nalbandian un'altra vittoria resa poi amara dagli eventi dei giorni successivi.

Proprio quella Davis, fino ad ora, è stato l'ultimo segnale di vita di due giocatori amati,anche più di quanto abbiano meritato, dagli amanti dell'estetica, da chi nel tennis cerca i geni ribelli, la magia del gesto,l'emozione di un attimo.Un attimo come il momento in cui Nalbandian fa partire quel suo rovescio lungolinea,che per me,in quel preciso istante , è arte.

Apparentemente agli antipodi; Bello, capace di regalare splendidi sorrisi, discorsivo,a suo modo filosofico Marat, ciccio,musone, detestato nelle sale stampa per la banalità delle sue interviste David. Screzi con Henman,con Hewitt, con altri, la leggenda di un incontro a Wimbledon mollato per vedere l'Argentina ai mondiali. Safin non sa essere da meno,anche se in forma diversa.

Ha annunciato il suo ritiro dalla lotta,Marat,15 mesi fa, in un'intervista in cui con candore diceva che i treni erano passati,che il Magic moment 2004-Halle 2005 se ne era andato, che non trovava più in sè stimoli e possibilità per competere coi primissimi.
Mi è piaciuto il Marat dello scorso anno, quello visto da Settembre alla fine.
Quello che ha sempre perso al tie del terzo, quello controbreakkato sistematicamente. Lottava,vedevo un anima incerta ,ma pur sempre un'anima. La vedevo nelle lacrime,sincere, di di Bercy.
Vorrei ma non ci riesco
Non l'ho vista quest'anno. Sono stato deluso, schifato , da interviste sulla qualità del cibo dei ristoranti e pallate prese ovunque.

Lo stesso senso di vacuità provato dai tifosi di Nalbandian.

Due braccia molto,molto più forti delle menti che le sorreggono.
Due menti che,e non è casuale, sono andate in corto dopo una grande vittoria contro quella che è la nemesi dei due giocatori.
Non solo nemesi sportiva,ma nemesi mentale, specchio di qualcosa a cui potevano somigliare e a cui non sono somigliati: Roger Federer.

Inutile contarsi Balle. Safin se ne è andato quella sera Australiana, David a Shangai su quel tie-break.
Dopo,solo la Davis, e gli scontri diretti tra i due (Madrid,Madrid..) hanno occasionato scintille, ritorni di fiamma.
Sempre col condizionele,perchè speranze vi sono anche adesso, vi saranno fino all'ultimo torneo che questi due giocheranno.
Marat,che 2 slam gli ha vinti,ha vinto anche la Davis, quella Davis la cui perdita pare avere ucciso tennisticamente Nalbandian.

Aveva appena perso, orrendamente, suo nipote,David, un nipote di cui aveva onorato sportivamente la memoria contro Roddick al Master,in una gara da libro cuore come lui ha saputo regalare,come sa bene Hewitt distrutto sull'amata erba di casa dopo quel "auguri per il viaggio di ritorno"seguito al 10-8 di Melbourne.
Un nipote cui forse voleva dedicare qualcosa di più, e questo qualcosa non è arrivato.
Chissà cosa è passato nella sua testa,la notte moscovita,:
il Match point contro Roddick allo US 2003,i due set di vantaggio su Baghdatis a Melbourne,le altre occasioni perse.

Sì, Federer ha prosciugato entrambi; come se per un fuggevole attimo i due avessero incrociato quello che avrebbero,sia pure parzialmente,potuto essere,e fossero rimasti bruciati da quel confronto.

Parzialmente, perchè pure se la loro mente avesse amato il tennis come le loro braccia hanno saputo manovrare la racchetta,non avrebbero mai vinto la metà di quello che ha vinto lo svizzero, attorno a loro non ci sarebbe mai stata la Terra bruciata, la messe di trionfi raccolta dal Dio Roger.
Le recriminazioni hanno il sapore dell'inutile,in alcuni casi.
A volte le cose prendono una data direzione perchè,semplicemente, non avrebbero potuto che andare così.

La pena per avere osato battere l'imbattibile? ci fu chi ne parlò già per Sampras,vedendo come Rafter,Krajicek o Philippoussis pagassero con gli infortuni avere osato battere Pete.
No. Nadal e Djokovic (per ora) smontano questa teoria,e non è casuale che chi ami Marat e David spesso non ami non solo il tiranno,ma anche i vicerè.
Ma Nadal e Djokovic parlano un altro linguaggio tennistico,lo parlano con la mente, sopratutto,con la magica parola ostinazione che i poeti maledetti di Russia e Argentina danno l'idea di capire solo per poco.
Forse perchè per loro ,sopratutto per davis,il tennis resta un gioco .

Lo Hanno amato,il tennis, Safin e Nalbandian? e se sì,quanto?

(continua)


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 29 agosto 2007, 21:42 
Non connesso
Blessed Soul
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:45
Messaggi: 1540
Località: romagna. un altro mondo possibile
Non nego la mia simpatia per entrambi i matti. irritante il più forte dei due, Marat il russo. Talento immenso, fisico da superman. Risultati da buon tennista di rango e nulla più. Federer non c'entra nulla. C'entra la testa slava di chi ama le cose belle della vita, meno la fatica metodica. Non quella eroica dell'impresa. Quella "prima". Che rende possibile l'impresa anche ai buoni giocatori. Avesse avuto la testa di un Kodes, per restare all'est. Non il carattere, ma la applicazione. La testarda applicazione di Jan, mi sarebbe bastata. E non ho scelto Stakanov....
Nalbadian? Grasso è bello. con un fisico da atleta sarebbe stato "immarcabile". Se Vilas avesse avuto il talento di Nalbo......
Non lo conosco bene per potere capirne l'approccio al tennis ed alla carriera. solo che Nalbo non guarda nessuno dal basso. come talento è da vertici assoluti. ed al Masters, qualche volta, con lui mi sono divertito. Scimmiottando Liedholm, faceva correre la pallina più di lui. Il tennis dovrebbe essere questo, caro Nadal. DEVE CORRERE LA PALLINA...... 8) 8)

_________________
mi sono rimasti solo tre neuroni. E non sono neanche d'accordo fra di loro....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 29 agosto 2007, 21:44 
Non connesso
Peso Mediomassimo

Iscritto il: domenica 1 aprile 2007, 15:12
Messaggi: 3921
Come già detto altre volte io questi sprechi di talento non li sopporto.

Non riesco a capire come si faccia a tifare per 2 giocatori che PALESEMENTE non amano il tennis (e il Panzone lo dichiara in praticamente ogni intervista).

Io credo che per rispetto verso se stessi bisognerebbe cercare di non sprecare l'enorme talento donato da madre natura. Sono giovani, avranno tanti e tanti anni in futuro per fare la bella vita.

E se Safin ha almeno la parziale scusante di aver comnque vinto 2 slam, non capisco come il Panzone che ha giocato una sola finale slam in carriera possa lasciarsi andare in questo modo.

Ma poi andare avanti in questo modo che senso ha? se non ti piace più il tennis (ma gli è mai piaciuto?) ritirati e vai a casa in argentina a giocare ai Rally con la Playstation


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 29 agosto 2007, 22:06 
mantequilla ha scritto:
. Federer non c'entra nulla. C'entra la testa slava di chi ama le cose belle della vita, meno la fatica metodica. Non quella eroica dell'impresa. Quella "prima". Che rende possibile l'impresa anche ai buoni giocatori. Avesse avuto la testa di un Kodes, per restare all'est. Non il carattere, ma la applicazione. La testarda applicazione di Jan, mi sarebbe bastata. E non ho scelto Stakanov....


Guarda,mio buon Mante, su Federer hai ragione e torto al tempo stesso .

ragione perchè anche senza Federer mai ci sarebbe stata una era safin.
torto perchè,bene o male, dopo l'impresa australiana Marat non ha più vinto un torneo, e pur giocando bene alcuni tornei (parigi 2005,halle,etc) certi livelli non si son più visti. Come se quel match fosse stato "emotivamente prosciugante"
:wink:
Perfettamente d'accordo sul resto.

Lendl e Djokovic sono slavi atipici. Ma anche, a livello più basso, Davydenko o Novak.


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 29 agosto 2007, 22:44 
Non connesso
Blessed Soul
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:45
Messaggi: 1540
Località: romagna. un altro mondo possibile
Guarda Fabio, io paragono, con un salto di sport e di statura fisica notevole, Marat Safin a Evgeni Berzin. Il trionfatore di una Liegi Bastogne Liegi e di un fantastico giro d'Italia nel 94. Detto che era pieno di epo come tutti i campioni di ciclismo della sua era, Berzin fece vedere in quel giro straordinario, cose che prima di lui aveva fatto vedere solo Jacques Anquetil, cui lo avvicinava anche una notevole somiglianza fisica. Stessi occhi di ghiaccio (Anquetil era normanno, come i russi...), stessi capelli biondi, stessa pedalata fantastica e abitudine alla pista, all'inseguimento e alle cronometro.
Berzin resistette sul Mortirolo (i 10 km più tremendi delle Alpi...) al grande Pantani, suo coetaneo e neopro, e battè dopo tanti anni sua maestà Indurain.
Lo sculacciò a cronometro (ed è tutto dire...) con una gara fatta per le strade Bologna che non mi sono certo perso e sulle montagne, spezzandone il dominio assoluto nelle corse a tappe. L'anno dopo fece buone cose, un secondo posto al giro dietro al "topo" Rominger, ma la classe fantastica di Berzin non si vide più. Dicono per cause chimiche. No. La chimica non ti da la classe. Ti da la forza. Berzin ingrassò come un maialino..SAZIO, non prosciugato. sazio Fabio. aveva fatto i soldi, aveva battuto l'imbattibile. Sacrificarsi per restare in vetta non gli interessava più. ne parlavo con l'allenatore della alfa Lum, la squadra che aveva portato qua i primi russi nerl ciclismo. Vincere per loro era relativamente facile. Poi la prima cosa che ti dicevano era "ma se non me li godo, che guadagno a fare?".... ed erano appagati DENTRO.
safin con Federer ha mostrato che si poteva battere. E si è sentito appagato, non svuotato. Come evgeni.

_________________
mi sono rimasti solo tre neuroni. E non sono neanche d'accordo fra di loro....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 29 agosto 2007, 22:55 
"Avete visto che ce la posso fare? a me va bene così.mostrare che posso battere il migliore".

Sì, è una interpretazione convincente.O quantomeno plausibile.


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 30 agosto 2007, 1:51 
Non connesso
Peso Massimo

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:08
Messaggi: 12744
Località: milano
mantequilla ha scritto:
C'entra la testa slava di chi ama le cose belle della vita, meno la fatica metodica. Non quella eroica dell'impresa. Quella "prima".


Penso che la fatica metodica "prima", che ragazzi come Kafelnikov e Safin abbiano affrontato nella loro infanzia e adolescenza, in condizioni ben più difficili di loro coetanei con maggiori disponibilità di altre parti del mondo, richiederebbero forse maggior considerazione.Come pure l'idea che hanno tutti i russi, probabilmente supportata anche dalla loro possibilità di vita media, che è la più bassa d'Europa, che si diventi vecchi presto, che la vita sia una cosa breve, e che siano pochi gli anni in cui te la puoi veramente godere...Come la luce, nell'inverno russo.

mantequilla ha scritto:
. E si è sentito appagato, non svuotato. Come evgeni.


Tu quoque, mante?mah

:roll:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 30 agosto 2007, 2:04 
Non connesso
Peso Cruiser
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 13 febbraio 2006, 15:34
Messaggi: 6349
Località: Firenze
non hanno il fisico: uno è troppo alto, l'altro troppo grasso.

Safin, se non sbaglio, è l'unico giocatore della storia alto piu' di un metro e 90 ad aver vinto piu' di uno slam (e di certo qualcuno dimenticherò)

Problemi di testa, ma insisto che spesso il fisico è sottovalutato :)

c.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 30 agosto 2007, 9:36 
Non connesso
Blessed Soul
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:45
Messaggi: 1540
Località: romagna. un altro mondo possibile
Cita:
Tu quoque, mante?mah

Evgeni Berzin , Emily. Non "l'altro". :oops: :lol:

_________________
mi sono rimasti solo tre neuroni. E non sono neanche d'accordo fra di loro....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 30 agosto 2007, 10:14 
"Tornare indietro a quel 2000, se allora ho giocato il mio miglior tennis? Sì, ma a chi interessa? E’ così lontano nel tempo: fa già parte della storia, è di tanto tempo fa. E’ ora di muoversi. Odio la gente che continua a vivere nel passato e ricorda quant’era bello quand’era dentro. Io non sono così. Io provo a muovermi. Provo a migliorare e a dimenticare. Qualsiasi cosa succeda. Se sono bei ricordi, bene. Ma se non puoi concentrarti su quello, con tutte le cose che succedono e che ti capitano continuamente.Viviamo nel 2007, a chi interessano - con tutto il rispetto - gli ex giocatori che sono stati grandi nel tennis? Bravi, bene per loro, restano nella storia. Non m’importerà nemmeno se, fra 30 anni, qualcuno si ricorderà di me. Avrò fatto altre cose nella mia vita e spero che sarò felice."

Safin ieri.

Non condivido nemmeno una riga del suo pensiero,ma direi che fa capire diverse cose.

Perchè dare giudizi su ciò che interessa agli altri,perchè dire che la storia interessa appena agli statistici?

Federer,sampras,Djokovic stesso hanno un rispetto per la Storia di questo sport,per chi l'ha fatta che non ha impedito loro di costruirsi vite (per quanto ne so) soddisfacenti anche fuori dal tennis.Senza per questo deprezzare,o dare quantomeno l'idea di deprezzare,ciò che gli ha permesso di vivere bene.

Sta pontificando troppo,Marat,anche se col pregio dell'onestà. Pontificando troppo sugli altri,sopratutto. Laddove sarebbe meglio il caso di analizzare un po' sè stesso.

Forse non ne è ancora pronto,se mai lo sarà.

Ma queste interviste hanno il sapore dell' alibi.


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 30 agosto 2007, 10:19 
Non connesso
Blessed Soul
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:45
Messaggi: 1540
Località: romagna. un altro mondo possibile
Cita:
Ma queste interviste hanno il sapore dell' alibi.

certo. se non ragionasse così, come farebbe a non dolersi del tempo che passa?

_________________
mi sono rimasti solo tre neuroni. E non sono neanche d'accordo fra di loro....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 30 agosto 2007, 12:38 
Non connesso
Peso Massimo

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:08
Messaggi: 12744
Località: milano
mantequilla ha scritto:
Evgeni Berzin , Emily. Non "l'altro". :oops: :lol:


:oops: :P


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 30 agosto 2007, 17:19 
... chissà quanto lo amano questo sport, stì due sciagurati, m'accontento dei lampi accecanti, 10 anni fà non avrei tollerato, come Zakk !


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 30 agosto 2007, 17:30 
Non connesso
Peso Cruiser
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 6 aprile 2006, 22:02
Messaggi: 8189
Località: Portland, ME
Condivido al 100% quello che dice Safin :) per me non voleva assolutamente deprezzare gli statistici, ma soltanto dire che la vita di un uomo che ha giocato a tennis, non deve restare, anche a settant'anni, attaccata ai record e agli slam vinti.
Bisogna vivere nel presente e non sempre, costantemente, nel passato. Sennò si rimane bloccati.

Se lui ci riesce, lo invidio molto.

_________________
A volte, quando si è un grande scrittore, le parole vengono così in fretta che non si fa in tempo a scriverle...
A volte.

Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 30 agosto 2007, 17:49 
Infatti lui,al momento,è fermo.

da 2 anni e mezzo.


Top
  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 161 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 11  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Yahoo [Bot] e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010