Il Forum a cura di NonSoloBoxe

Per discutere di Boxe e non solo...
Oggi è domenica 18 novembre 2018, 22:47

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 98 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 31 agosto 2007, 23:00 
Non connesso
Blessed Soul
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:45
Messaggi: 1467
Località: romagna. un altro mondo possibile
Cita:
Al cinese a Pechino toglieranno gli ostacoli....

non ne ha bisogno, Vittorio. E' campione olimpico uscente, campione del mondo, ex argento e bronzo mondiale, recordman mondiale ed ha solo 24 anni. E' il più forte senza bisogno di aiutini.
Ah, sai che solo noi siamo stati pescati ad aiutare un nostro atleta a vincere una medaglia? A Roma, mondiali, Evangelisti, bravo saltatore di Padova. Cui fu allungato l'ultimo salto, per fargli vincere un bronzo. Altro che cinesi. Occhio a noi... 8) :lol: :lol:

_________________
mi sono rimasti solo tre neuroni. E non sono neanche d'accordo fra di loro....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 31 agosto 2007, 23:11 
Non connesso
Blessed Soul
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:45
Messaggi: 1467
Località: romagna. un altro mondo possibile
Riguardo i quattrocentisti, Lee Evans fu il primo a scendere sotto al muro dei 44 secondi, portandosi dietro l'altro grande talento Larry James. In Colorado ai trials di selezione, prima, e a Mexico city. Poi il basco nero col quale si presentarono sul podio, fu la fine della loro carriera. Come Smith e Carlos furono praticamente costretti a smettere. Ma dove sarebbero arrivati, chi lo sa? James era addirittura considerato più talentuoso di Lee. Quella staffetta del miglio (Evans, James, freeman , recordman mondiale prima di Evans, e Matthews, olimpionico poi a Monaco) era inimmaginabile come forza. Il peggiore aveva un record di 44" 3. E Vince Matthews fu l'unico a salvarsi dall'epurazione.
A Monaco poi, con Collect, giocherellò con la medaglia, facendo scalpore, ma non colorando di politica il suo atteggiamento. Evans e James erano già nel dimenticatoio, ostraciati da una America allora reazionaria e chiusa.
A Montreal fu poi il turno del "Caballo". Diviso fra 400 ed 800, fece una doppietta che nessuno seppe più ripetere. Ma fu "aiutato", soprattutto neglio 800, dal boicottaggio degli africani, keniani in testa. Anche se li aveva già battuti, chi sa come sarebbe andata? Come ha perso oggi la Lebedeva, poteva succedere al caballo contro un Boit....

_________________
mi sono rimasti solo tre neuroni. E non sono neanche d'accordo fra di loro....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 1 settembre 2007, 0:11 
E ci siamo, almeno per me, la gara che amo di più (come nello sci di fondo la 50 km sia a tecnica libera, amata perchè con italiani protagonisti, sia a tecnica classica, faticosissima ed affascinante) !
Alex Schwazer, il nostro alfiere ha tolto la folta barba, con cui si proteggeva, nell'infida e sconosciuta per lui ad alto livello 20 km (anche se qui con un posto nei 10 ha smentito tutti, e chissà se non fosse stato così prudente...) è il favorito, ha il peso del pronostico a suo favore, forse troppo per un giovane ventiduenne, in una specialità da scafati vecchi marpioni alla Jesus Angel Garcia, all'ennesima battaglia quest'oggi !
Se ci sarà l'umido dei giorni scorsi, dopo il trentesimo kilometro sarà una gara ad eliminazione, una tonnara, sarebbe bello avere in gara Gianni Perricelli, colui che con il gran finale recuperava molti se non tutti a metà anni novanta !


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 1 settembre 2007, 2:45 
Si dice che la 50 km di marcia inizi al 35, Sandro Damilano parlava prima delle 2 ore e trenta, siamo lì !
Inizia la gara quella vera, la prende in testa Deakes, il primatista mondiale, dietro Diniz, il francese sorpresa degli scorsi europei, il giapponese generosamente tutelato dai giudici, come al solito per i padroni di casa, Voyevodin il russo in quarta posizione è in crisi progressiva ! Poi il duo Schwarzer-Nizhegorodov, il più veloce sul percorso, tutti i primi sei con almeno una proposta, il francese due !
- 15 si inzia adesso, forza Alex !


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 1 settembre 2007, 3:06 
- 10 Alex sul podio terzo con il calo di Nizhegorodov che era a suo fianco, provocato da un attacco di Schwarzer, è lontano dall'australiano sempre più primo, recupera molto bene sul francese che è l'obbiettivo più a portata di mano...

Edit crollato pesantemente il giapponese, out il russo Voyevodin ritiratosi !


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 1 settembre 2007, 3:08 
Non connesso
Peso Medio
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 10 febbraio 2006, 23:26
Messaggi: 1819
Località: Roma
Incredibile ma vero, sto seguendo anch'io... in contemporanea a Hewitt Calleri ovviamente. Ottimo, Alex, finora.

_________________
(There's a heartbeat
And it never really died)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 1 settembre 2007, 3:27 
Ale ha scritto:
Incredibile ma vero


... ma no Ale, la marcia è uno sport stupendo :love7: !

- 5 km i primi 4 a un minuto dall'altro, Alex più veloce su strada, forse è troppo poco il guadagno per scalare almeno l'argento ! Diniz, da qualche kilometro si è messo fare pari e in quest'ultimo tratto meglio di Deakes, forse è folle con 2 proposte di squalifica, ma è il momento di osare o resistere dal 45 km !

P.S. Parlando degli altri italiani, De Luca in crisi prossimo al ritiro, Carfagna da dietro recupera per un posto a cavallo ventesimo-trentesimo posto !


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 1 settembre 2007, 3:47 
Un Alex Schwarzer furente fino alle lacrime, coglie un buon bronzo, ma visto il suo finale con 4:08 di ultimo mille e penultimo di 4:16, i rimpianti sono tantissimi ! Vince l'australiano davanti al francese, ma che peccato !


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 1 settembre 2007, 3:50 
Non connesso
Peso Medio
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 10 febbraio 2006, 23:26
Messaggi: 1819
Località: Roma
Commovente l'arrivo del giapponese...

Schwarzer un po' esagerato. Quanti anni ha? 23? E' arrivato per due volte terzo in 3 anni...

_________________
(There's a heartbeat
And it never really died)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 1 settembre 2007, 4:01 
Ale ha scritto:
Commovente l'arrivo del giapponese...

Schwarzer un po' esagerato. Quanti anni ha? 23? E' arrivato per due volte terzo in 3 anni...


... ha 22 anni (ed è un bambino come cinquantista, come un tennista al top appena maggiorenne), ma ha ragione : è un predestinato, era il migliore, lo è stato dal trentacinquesimo kilometro doveva partire al trentesimo probabilmente, ha chiuso a soli 45 secondi dal primo e 16 dal secondo, se pensiamo che quando ha staccato il russo era a 2:29 ! Che rabbia... a dopo :twisted: :twisted: :twisted: !


Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 1 settembre 2007, 8:58 
Non connesso
Amministratore

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:59
Messaggi: 4649
Caro Mantequilla, come non ricordare? Io fui uno di quelli che si accorsero da casa che c'era qualcosa che non andava...C'era una borsa di fianco alla pedana del lungo, io la utilizzavo per farmi subito una idea della lunghezza del salto e mi accorsi subito che c'era il trucco.
Il cinese vincerà i 110 hs, il problema è che i cinesi vinceranno tutte le gare dove c'è un giudizio umano. Vedrai che scempio nella boxe.
Il ricordo di Lee Evans (e Larry James) era provocatorio perchè volevo far tirare fuori a qualcuno la storia dei baschi neri, perchè se di Tommy Smith e John Carlos si ricordano tutti, Evans è finito nel tritatutto dell'oblio. A me pare di ricordare che Evans vinse i 400 dopo Monaco in un meeting, forse italiano, con un tempo da medaglia.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 1 settembre 2007, 13:32 
Non connesso
Blessed Soul
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:45
Messaggi: 1467
Località: romagna. un altro mondo possibile
Concordo con Eretico. La 50 km è la marcia, come la 50 km su sci a TC. Chi vince la 50 km è LA MARCIA.
Schwarzer sa di avere sbagliato tattica. A me in gara è capitato e so cosa si prova ad arrivare piazzato bene ed ancora relativamente fresco. Non è una questione di piazzamento. E' che SAI di non avere dato tutto. Non ce l'hai con gli altri, ce l'hai con te stesso. Terzo e stremato è una cosa , terzo e relativamente fresco è completamente un altro mondo. Incredibile sentire dire a Tilli (si, lui , proprio lui) che il ragazzo doveva "contenersi". Howe faceva bene a fare di tutto, Schwarzer no. E Schwarzer mica pigliava ingiro gli avversari. Ce l'aveva con se stessop ("zuccone" si definiva...). Ed è grazie a questa consapevolezza, lo scrivo oggi, che Alex Schwarzer vincerà a Pechino. Perchè avrà un anno in più (l'australiano è forte, mica sarebbe stato semplice batterlo..) e non è interiormente pronto a giustificare il suo errore di strategia. Quindi è rabbia buona òla sua. Poi si calmerà. Un bronzo è un ottimo risultato assoluto. Ci mancherebbe. Schwarzer ricorda tanto Pamich. a Roma sbagliò tattica Abdon e fece terzo. a Tokio (Asia, asia....) non sbagliò niente, battendo anche la dissenteria (non c'erano le telecamere, per fortuna.... 8) :lol: ).
Evans, certo che è caduto nel tritacarne dell'oblio. In USA non lo prendevano più nei meetings e non lo allenavano. Poteva fare il bis a Monaco? Sicurissimo. Matthews stesso lo ricordò (Lee era il migliore di noi..).
Sulla Cina, Vittorio.
Si, avrà i suoi aiuti. Come li ebbe la Corea a Seoul, li ebbe l'URSS a Mosca, Gli USA ad Atlanta e Los Angeles, la Grecia ad Atene, l'Italia a Roma , la Spagna in Spagna ecc. Il paese organizzatore ha sempre fatto il record di vittorie, in casa. Un motivo ci sarà. E non solo organizzativo. Speriamo che si resti nella dimensione della decenza. Non vedo la boxe come sport più a rischio. vedo ginnastica, tuffi, sincronizzato... dove la giuria DECIDE veramnte per una impressione.
Nei tuffi DiBiasi perse un oro a Tokio che meritava, ma fu penalizzato perchè era un perfetto sconosciuto. A Montreal fu "ricompensato" ai danni di un giovane emergente, Greg Louganis, che poi lui stesso allenò e portò alla sua successione. questi sport vedranno senza dubbio favoriti gli atleti cinesi, che comunque hanno una forza tecnica che li porta ad essere competitivi. Nella boxe esiste un limite. Roy Jones a Seoul non è più ripetibile credo. :shock:

_________________
mi sono rimasti solo tre neuroni. E non sono neanche d'accordo fra di loro....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 1 settembre 2007, 14:20 
Eh si Mante ! Riflettendo sulla marcia, ora conclusa si può trarre un bilancio c'è un dato che da anni contraddistingue i nostri : l'eccessiva prudenza, qualcuno pensando a Brugnetti, mi dirà che ci si può bruciare, ma c'è una via di mezzo ! Quel testone e grande tecnico Sandro Damilano, ancora poco fa smentiva Bragagna sul fatto che Alex poteva partire prima, sbaglia e mi preoccupa per Pechino ripensando a Rubino e Schwarzer chiudere le loro gare alla grande, dico io anche troppo, non si possono concedere minuti ai primi e poi rimontare, soprattutto quando sono avanti i grandi della specialità, come il primatista del mondo e l'oro europeo di Goteborg 2006 nella 50 ! Capisco la giovane età per i due, ma se si vuole puntare in alto si devono concedere secondi nella 20 e al massimo 1 minuto abbondante nella 50 per poi recuperare !

Edit Per Pechino avete ragione tu e Vittorio, il rischio nelle gare con giudici, c'è ed è inutile illudersi di non vedere regali ai padroni di casa ! Nella marcia il rischio è forte, già stanotte si è visto un pò di tutto con Deakes, marciare negli ultimi 10 kilometri, con uno sbloccaggio del ginocchio "selvaggio", sul giapponese mi astengo per carità di patria, bene che cotto, poverino, abbia fatto un giro in meno e sia stato squalificato !


Ultima modifica di eretico il sabato 1 settembre 2007, 14:24, modificato 1 volta in totale.

Top
  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 1 settembre 2007, 14:20 
Non connesso
Peso Medio
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 10 febbraio 2006, 23:26
Messaggi: 1819
Località: Roma
Ma dai che giornatona che è stata finora... :shock:

Semifinali della 4x400 bellissime (la seconda soprattutto). Americani in surplasse, Polonia che nell'ultima frazione ha fatto miracoli e il Giappone che per tutta la gara ha corso come se gli bruciasse il fuoco nell'anima, e nonostante questo (arrivati 4° Ripescati?) non sanno se ce la faranno.

Intanto ottima, davvero ottima, la finale dell'asta... ancora deve finire ma Walker per ora è un passo avanti sebbene Lobinger ci stia provando.
Incredibile! E' proprio d'ora il grandissimo salto del francese Mesnil a 5.86!

Ma spaventosa (s-p-a-v-e-n-t-o-s-a) la progessione finale della Defar nei 5000... correteci voi con quella scioltezza :shock:

_________________
(There's a heartbeat
And it never really died)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 1 settembre 2007, 15:49 
Non connesso
Peso Mosca

Iscritto il: venerdì 25 maggio 2007, 20:02
Messaggi: 246
su Schwazer: a 2 anni in fondo un errore strategico SI PUO' commettere. E CI SI DEVE arrabbiare. Ha fatto entrambe le cose, per cui non si può che sperar bene per l'anno prossimo, che è l'appuntamento più importante e ci arriverà con in corpo più rabbia che pressione. Intanto, secondo bronzo mondiale a 22 anni... va bene, dai.

Le finali di oggi, giornata spettacolare soprattutto nelle staffette:

DECATHLON: durissima due giorni contrassegnata dalla battaglia tra il primatista mondiale Roman Sebrle, fuoriclasse ceko a cui mancava solo il titolo mondiale in carriera, e l'uomo nuovo della specialità, il giamaicano Maurice Smith. Quest'ultimo ha mostrato capacità strabilianti nella velocità, nei 400, negli ostacoli, nel peso e nel disco, sbaragliando tutti; ha retto bene il confronto nell'asta e nel lungo, ma ha pagato 15 cm al ceko nell'alto e soprattutto la differenza l'ha fatta il giavellotto, penultima prova, in cui Smith (dolorante ad un braccio) si è fermato intorno ai 53 metri, mentre Sebrle (killer instinct veramente da campionissimo) ha fatto il suo personale ad oltre 71 metri.
Sebrle passava così avanti di una misera quarantina di punti e restavano solo i 1500; Smith ci ha provato, ha dato tutto, ma è finito davanti al ceko di soli due secondi.
Classifica finale: Sebrle 8676, Smith 8644, Karpov (Kazakistan) 8586.
A parte l'alto ed il giavellotto, Smith è su livelli da record del mondo, eh... è il futuro. Il presente si chiama ancora Sebrle però.


5000 DONNE: Meseret Defar, primatista mondiale e campionessa olimpica, pareggia secondo pronostico il conto degli ori con la sua connazionale Dibaba.
Mai nessun problema per lei... però va sottolineato che, come nei 10.000, le etiopi come squadra si son trovate in difficoltà. Completano il podio infatti le kenyane Cheruiyot e Cherono, mentre le due compagne della Defar hanno accusato un ritardo considerevole. Decisamente un'inversione di tendenza rispetto agli anni scorsi.
Bene la nostra Weissteiner, che si migliora ancora e giunge a 15'11''... l'importante è essere su questi livelli anche negli anni a venire.

ASTA UOMINI: vince Brad Walker che centra 5,86 al primo tentativo. Siam rimasti, dunque, sotto i 5,90 confermando la penuria di grandi misure che affligge la specialità nel XXI° secolo... stavolta però (come in tante altre gare di questi mondiali) c'è stato un grande innalzamento del livello medio. Ben 8 atleti hanno superato 5,81, cosa che non succedeva da Sydney 2000.
Al secondo posto il francese Mesnil (era ora che prendesse una medaglia 'sto folle), al terzo il tedesco Ecker;
buone prove (oltre i 5,80) anche per Pavlov, Lukyanenko, Lobinger, Otto e Averbukh.


STAFFETTE 4X100:
Doppietta per gli USA, doppio argento per la Giamaica;
terzo posto per la Gran Bretagna fra gli uomini e per il Belgio fra le donne.

Nella gara femminile le americane (rappresentate da Lauryn Williams, Allyson Felix, Mikele Barber e Torri Edwards) hanno condotto abbastanza tranquillamente fino a metà dell'ultima frazione, quando la Campbell (ultima frazionista giamaicana) ha cominciato a guadagnare metri su metri nei confronti della Edwards... le è finita dietro di soli 3 centesimi.
Al terzo posto straordinaria impresa del Belgio, con la grande ultima frazione di Kim Gevaert. Sottolineamo che quest'ultima (bi-campionessa europea di 100 e 200), dopo aver ottenuto il 5° posto nei 100, l'altro ieri non ha partecipato alle semifinali dei 200... in questa gara si è vinto il bronzo con 22''60, misura AMPIAMENTE alla sua portata.
Ha preferito giocarsi tutte le sue carte nella staffetta con le sue compagne, di livello molto inferiore. Ha avuto ragione. Grande.

Nella gara maschile, si preannunciava uno scontro fra titani e forse anzi i giamaicani partivano anche favoriti sulla carta: Anderson, Bolt, Carter e Powell contro Patton, Spearmon, Gay e Dixon...
i caraibici sono stati fregati soprattutto dai cambi (e far peggio degli americani nei cambi è difficile) e dal divario in 3a frazione. Tra Spearmon e soprattutto Gay hanno scavato un canyon che poi Asafa Powell non poteva realisticamente colmare.
Già bravo ad agguantare il secondo posto, di un solo centesimo davanti ad un'ottima Gran Bretagna.
Subito dietro il Brasile e il Giappone, grandi prestazioni anche per loro.

_________________
and that's the bottom line...

Michele (dsdifr in altri lidi)


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 98 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010