Il Forum a cura di NonSoloBoxe

Per discutere di Boxe e non solo...
Oggi è mercoledì 21 agosto 2019, 6:57

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 25 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 24 febbraio 2006, 0:55 
Non connesso
Peso Cruiser

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:08
Messaggi: 8704
Località: milano
E' quello che ho pensato anch'io dal primo giorno di Rotterdam...per scaramanzia, non aprirò un topic Aspettando Dubai :wink:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 25 febbraio 2006, 10:09 
Non connesso
Peso Cruiser

Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 9:47
Messaggi: 9080
Località: Napoli
Ma Roddick che combina ?
E' proprio crisi nera se perde anche con Benneteau, Soderling fa quello che avrebbe dovuto fare Rainer, e cioè sfruttare la stanchezza di Murray.

Difficile davvero pronosticare il vincitore di Rotterdam, secondo me alla fine vincerà Nieminen.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 25 febbraio 2006, 12:11 
Non connesso
Peso Superwelter
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 0:16
Messaggi: 1354
Località: Napoli,Italy
Su queste sconfitte di Andy ho solo un dubbio,legato al fatto che tenendo presente il tipo e la qualita' di torneo,non so fino a che punto si impegni.

Ma se s'impegna,e sta giocando al 100% della concentrazione (e' probabile),allora queste sconfitte sono preoccupanti.

E' evidente che con il tipo di gioco attuale,che nelle sue intenzioni dovrebbe renderlo piu' omogeneo e meno sbilanciato sul lato del solo servizio+dritto,il risultato e' che e' leggermente piu' bravo a rete (mica tanto...) e sul rovescio,ma alla fine il bilancio e' negativo,perche' non ottiene piu' quei punti gratuiti che otteneva prima con quell'unico schema,che magari era monocorde e prevedibile,ma che gli portava tanti tanti punti a match,anche contro i piu' forti.

Il servizio e' leggermente calato,o cmq non fa piu' tanti buchi in terra come prima,per cui in generale,credo sia molto ma molto meno pericolo in attacco di quanto lo fosse prima.

A mio avviso ha bisogno si di qualche aggiustamento la' dove gioca meno bene,ma senza mai perdere di vista quello che sa fare meglio.

Dovendo scegliere,io prima di una partita importante mi alleno sul mio colpo migliore,non certo sul mio peggiore perche' voglio renderlo piu' efficace.Questo e' un lavoro da fare a lungo-termine,non certo in pochissimi mesi come sta facendo Roddick.

Cmq dai suoi risultati,e dal suo modo di giocare,non riesco ad essere deluso e sorpreso piu' di tanto per queste sconfitte.Lo ritenevo oltre i propri limiti prima,e magari un pochino sotto adesso,ma in generale,e' un giocatore che a mio avviso ha sempre ottenuto molto piu' di quanto meritasse.E' un combattente,vero,cosi' come su alcune superfici in pratica parte da 30-0 in ogni game,ma in generale,non riesco a sorprendermi tanto per qualche sua sconfitta.Innanzitutto e' fisiologico un calo,per lui che dipende cosi' tanto da pochi colpi (che per giunta gli avversari con gli anni iniziano a conoscere,ed a prevedere,come ad esempio il servizio,che oggi sicuramente lascia meno immobili di quanto facesse 3-4 anni fa),e poi e' normale che in tornei come questo la concentrazione non sia al massimo (questo lo spero per lui).

Cmq Roddick in generale,credo sia uno dei giocatori piu' prevedibili in assoluto,e se rapportato al ranking che ha,con il minor numero di soluzioni efficaci a disposizione.Tolte quelle 2-3 soluzioni che ha,sulle quali (credo) nemmeno si allena piu' decentemente,diventa un giocatore abbordabilissimo,anche per gente come Benneteau.

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sabato 25 febbraio 2006, 17:06 
Non connesso
Peso Paglia

Iscritto il: giovedì 9 febbraio 2006, 22:46
Messaggi: 31
A-Rod s'è sempre retto sulla potenza del servizio, su di un dritto devastante, ottima condizione fisica, grande vis-pugnandi.

adesso che è in profonda crisi tecnica, cercando di completarsi ha perso esplosività nella tremenda combinazione, non copre più il rovescio spostandosi in modo sistematico, ma anzi accetta un palleggio di modesto rendimento, diventando attaccabile
se sommiamo a questo che ormai molti hanno capito come rispondere al suo servizio perchè lo varia troppo poco cercando troppo spesso la botta centrale, ...allora la frittata è bell'è condita...

cambiop di rotta completo, o saranno tempi duri per lui, temo.
nonostante tutto è un bel personaggio, dispiace vederlo così in crisi, da tempo ormai


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: domenica 26 febbraio 2006, 12:45 
Non connesso
Peso Cruiser

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:08
Messaggi: 8704
Località: milano
Non so se Roddick sia un bel personaggio per me, ma sicuramente è interessante e non so bene dove finirà la sua evoluzione, perchè di questo si tratta.
Secondo me è il numero uno più limitato tecnicamente che la storia del tennis abbia avuto, ma che raccolse i frutti di un'estate fantastica nel 2003.
Non mi è mai piaciuto, non è una novità, non mi piacciono i suoi gesti, del servizio in particolare; apprezzo di lui solo la velocità frenetica, nel bene e nel male, che imprime al match, quando riesce a prendere il comando del gioco: ricordo con Safin al masters di Houston disputare uno splendido match da videogioco, e non in senso negativo, e poi resterà sempre indimenticabile la sua maratona spettacolare con El Aynaoui a Melbourne.
Lo soprannominai bamboccio perchè mi ricordava i big jim bambolotti americani e per una certa tracotanza nel comportamento quando apparve sulla scena, forte delle due volte in cui sul cemento e su terra americani, nel 2001, annichilì Sampras servendogli in pancia, e lo stesso Sampras ne parlò come del più grande talento fra i giovani.
Mi dava fastidio che questa sua immagine dell'eletto, senza che ancora avesse vinto niente di importante, lo facesse piazzare su tutti i campi centrali del mondo come se fosse l'erede di Sampras; mi dava fastidio l'appellativo di grande campione, anzi, di campionissimo, che gli dava Lombardi già nel 2002, e di come un'amica, su un altro forum, ne facesse già l'emblema degli Stati Uniti vincenti su tutti i fronti, capaci sempre di sfornare i numeri uno.
Mi dava fastidio l'aria minacciosa o forse solo arrogante con cui si avvicinava all'arbitro per protestare ogni volta che una chiamata non lo soddisfaceva, e del come questo atteggiamento fosse valorizzato da Tommasi quando agli Usa open, durante quel match in cui Ljubicic lo contestò, disse che in fondo la presunzione e l'arroganza sono le virtù di un campione. Bisogna dare atto ai commentatori di Eurosport, invece, di aver riferito come questi suoi atteggiamenti non fossero graditi ai colleghi del circuito che gli fecero chiedere da Lapentti, a nome di tutti, di cambiare rotta...bisognerebbe ricordarlo, da quando se ne fa il campione della corrrettezza per quel servizio dato buono a Verdasco sul matchpoint a Roma.
C'era qualcosa in lui però, che dall'inizio, tradiva un'insicurezza strana, un sentirsi inadeguato rispetto al personaggio che forse Gilbert aveva tagliato per lui o si era ricucito addosso fino al 2003: lo sguardo. Mobilissimo, inquieto e insicuro, come quando agli inizi della sua carriera si volgeva sempre a cercare conforto o ispirazione o plauso da Benabilès; e le interviste, che rivelavano un ragazzo ben lontano dal bambolotto tutto tennis, hamburger e stupore, ma, al contrario, uno studente, colto, critico, molto sensibile.
Dove voglio arrivare? non lo so :) :oops: ...al fatto che sono d'accordo con voi che il ragazzo si sia destabilizzato cercando di lavorare sui suoi punti deboli, il che gli ha messo incertezza anche sui forti, e non è da ieri che si dice che oltre ad essere potente il suo servizio è poco vario e ormai tendono a conoscerlo.
Credo però che la strada che debba seguire passi dalla conoscenza di se stesso e dal trovare un gioco in cui si ritrovi, perchè probabilmente lui non è più quel ragazzo del 2003, forse non lo è mai stato intimamente, e non so se troverà il suo tennis, ammesso che ne abbia uno dentro, continuando a cambiare starlette o facendosi seguire dalle telecamere come un reality.
Trovi qualcuno che probabilmente gli faccia accettare i suoi limiti e faccia con lui quello che Roche aveva fatto con Rafter: in questo suo bagno di umiltà degli ultimi anni, in queste sue insicurezze antiche che sono infine venute a galla, è rimasta qualche traccia della baldanza di un tempo? e allora la usi per seguire a rete il servizio, per il gioco a volo, e vinca o perda così, come l'ultimo cavaliere di un serve and volley perduto, e noi ti seguiremo Andy, puoi starne certo.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: domenica 26 febbraio 2006, 14:11 
Non connesso
Peso Superwelter
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 0:16
Messaggi: 1354
Località: Napoli,Italy
E intanto Tommaso in finale,non vorrei parlare troppo,ma pare che il ragazzo abbia trovato continuita'..... pare...

_________________
Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: domenica 26 febbraio 2006, 14:12 
Non connesso
Peso Cruiser

Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 9:47
Messaggi: 9080
Località: Napoli
emily ha scritto:
Secondo me è il numero uno più limitato tecnicamente che la storia del tennis abbia avuto, ma che raccolse i frutti di un'estate fantastica nel 2003.

Mi dava fastidio che questa sua immagine dell'eletto, senza che ancora avesse vinto niente di importante, lo facesse piazzare su tutti i campi centrali del mondo come se fosse l'erede di Sampras;


Sulla prima affermazione sono d'accordo al 100% al quadrato.

L'immagine dell'eletto devo dire che a me generalmente da fastidio a prescindere e lo dico più o meno per tutti dal greco/australiano al tedeschino mio coetaneo che stasera sarà in finale fino ai due dominatori del 2005.

Io credo che ARod, non abbia tutta questa forza mentale e questa grossa personalità che tutti noi potevamo pensare.

All'inizio era giovane, e spaccone, poi è maturato ha capito come vanno le cose ed ha cominciato a cambiare ed adesso è in una fase di passaggio e cosi tutto gli sembra più difficile; non ha più la spensieratezza dei 18 anni che forse si è portato appresso fino a quando non è diventato numero 1, diventato numero 1 ha cominciato a sentire il peso delle responsabilità magari sapeva anche lui di non essere adeguato ed ha perso la retta via.

Poi personalmente, come personaggio mi piace, già dal 2002 quando venne a Roma e disse: "l'Italia mi piace perchè si mangia bene e ci sono tanti bei monumenti che noi in America ce li sogniamo".
Adesso addirittura, quando non gira per i tornei, vive in una piccola barca (un cabinato) ancorato vicino alla riva.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: domenica 26 febbraio 2006, 14:46 
Non connesso
Peso Cruiser

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:08
Messaggi: 8704
Località: milano
Milhouse ha scritto:
E intanto Tommaso in finale,.


Una volta il sempre rimpianto Carmelo Bene, grande ammiratore di Edberg, scrisse una lettera a Tommasi e Clerici (lo rivela in un'intervista a Ghezzi, mentre non ne fecero mai cenno, che io sappia, i due) in cui li supplicava di non italianizzare i nomi dei campioni di cui raccontavano le gesta:- E basta con i Stefanello, i Michelino e gli Andreino, è come se ricevessi una pugnalata al cuore, una pugnalata di scena, ma sempre ferita è- spiegò. Sottoscrivo :) : anche a me dà molto fastidio leggere Leutonio, Rogerio e Tommasino, ma, per carità, se a voi piace, liberi di continuare, e rimane una parentesi :oops:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: domenica 26 febbraio 2006, 15:00 
Non connesso
Peso Cruiser

Iscritto il: venerdì 20 gennaio 2006, 9:47
Messaggi: 9080
Località: Napoli
Non voglio fare il livescore, ne gufare ma Stepanek si avvia a vincere il primo torneo dopo aver perso 3 o 4 finali.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: domenica 26 febbraio 2006, 15:20 
Non connesso
Peso Cruiser

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2006, 23:08
Messaggi: 8704
Località: milano
mi sono ricordata solo nel secondo set che sport plus avrebbe trasmesso la diretta della finale oggi; per la cronaca di un match a senso unico (il povero Christophe sembra abbastanza paralizzato dal tutto e quasi non riesce a rispondere), comunico a marattina che per l'occasione Stepanek ha lasciato la maglia da arbitro per indossarne una in onore di chi lo ospita, cioè arancione con profili neri.
Brutto anatroccolo era e brutto anatroccolo rimane, comunque :) .

Oh, Milhouse, rivedere questo scenario che amiamo tanto è sempre una stretta al cuore se nell'arena ci sono questi protagonisti.

Edito: Rotterdam come Wimbledon...c'è stato anche lo spogliarello fuori programma: mentre Stepanek, come se nessuno l'avesse notato, indicava al pubblico l'arancione della sua maglia, entrava in campo vestito solo di un gonnellino di paglia, il solito mattacchione di turno che faceva correndo un giro d'onore e sulla pancia prominente da bevitore di birra aveva scritto " New balls please" :P


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 25 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
POWERED_BY
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010